Siria. Le armi inviate ai ribelli finiscono ai jihadisti | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
giovedì , 27 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Le armi inviate ai ribelli finiscono ai jihadisti

Dove finiscono le armi inviate in Siria ai ribelli? Secondo Russia Today, che a sua volta riprende fonti del Ny Times, andrebbero quasi tutte nelle mani dei jihadisti...

Molte delle armi che vengono inviate quotidianamente in Siria arriverebbero tra le mani degli estremisti islamici più radicali, inclusi quelli affiliati ad Al Qaeda. L’opposizione armata siriana viene rifornita ormai da tempo con armi dall’Arabia Saudita e dal Qatar, mentre gli alleati come gli Stati Uniti provvedono ad aiutare nelle transazioni. Secondo quanto riportato dal New York Times molte delle armi finirebbero direttamente nelle mani dei jihadisti e non nelle fazioni laiche, quelle che almeno teoricamente sarebbero state scelte per rappresentare la Siria del futuro. Un ufficiale citato dal quotidiano americano ha spiegato che le armi starebbero finendo proprio nelle mani di coloro che non si vorrebbe fossero armati. Questa situazione, se da un lato fa comodo all’Occidente in quanto scatena Al Qaeda contro Assad, alla lunga potrebbe persino ritorcersi contro la Casa Bianca, e non sarebbe la prima volta, vedi l’Afghanistan con i talebani anti-sovietici. In molti anzi fanno notare che molti gruppi islamisti starebbero letteralmente accumulando armi non per usarle contro l’esercito siriano, ma in vista di un futuro non ancora ben chiaro. Il capo della Cia, David Petraeus, ha visitato nei giorni scorsi segretamente la Turchia proprio per verificare il modo in cui gli aiuti vengono inviati in Siria. La situazione del resto in Siria è caotica, basti pensare che, come riferisce il Ny Times, alcuni ribelli si sarebbero persino fatti crescere la barba in modo da sembrare salafiti e ricevere armi dal Qatar, restio invece a inviare aiuti ai laici.

Chiaramente la situazione potrebbe avere ripercussioni anche alle incombenti elezioni presidenziali degli Stati Uniti. L’amministrazione Obama, come ricorda RT.com, si è schierata senza se e senza ma a favore dei ribelli siriani, e il suo sfidante, Romney, lo scorso lunedì ha indicato che avrebbe intenzione, se eletto, di aiutare i ribelli con armi antiaeree e anticarro.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top