Siria. Obama riconosce i ribelli nonostante strage di alawiti | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
lunedì , 16 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Obama riconosce i ribelli nonostante strage di alawiti

Continua senza sosta la battaglia in Siria, con scontri anche pesanti tra ribelli ed esercito nei sobborghi di Damasco. Obama intanto ha deciso di riconoscere la Coalizione dell’Opposizione Siriana, nonostante una strage perpetrata proprio dai ribelli contro gli alawiti, il gruppo religioso cui appartiene Assad.

In Siria c’è una vera e propria guerra civile, e non ci sono santi. Non sono di certo santi i cosiddetti ribelli, che i media occidentale presentano come campioni romantici della libertà, mentre ospitano al loro interno anche feroci salafiti ed estremisti islamici di mezzo mondo. Non sono santi nemmeno i soldati dell’esercito regolare, e le stragi sono purtroppo all’ordine del giorno, ma da entrambe le parti. Anzi sembrerebbe che in questa fase delicata della guerra siano proprio i ribelli  quelli pronti a tutto per concludere in fretta la faccenda. Proprio nello stesso momento in cui Obama annunciava di voler riconoscere la Coalizione dell’Opposizione Siriana come rappresentativa del popolo siriano, mandando su tutte le furie Mosca, decine di civili venivano massacrati nel corso di un attacco contro il villaggio alawita di Aqrad, vicino ad Hama. Dal momento che Assad è alawita, così come molti suoi fedelissimi, sembra chiara la mano dei ribelli dietro questo orribile massacro. Intanto sul campo ieri sera l’esercito di Assad ha riconquistato alcuni sobborghi della capitale, e si starebbe preparando a nuove controffensive. I ribelli invece hanno ormai conquistato tutti i sobborghi di Aleppo, e ora starebbero cercando di assaltare le piazzaforti di Assad. Dietro la mossa di Obama di riconoscere i ribelli ci sarebbe il tentativo di isolare Assad in una fase cruciale della guerra civile. A Damasco però sanno di avere ancora amici a Mosca, e sperano che prima o dopo i media occidentali aprano gli occhi anche sugli estremisti islamici che da mesi compiono attentati tra la folla nelle strade di Damasco.siriaaa

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO



Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top