Siria. Putin annuncia: "Noi diamo armi a governo legittimo, non a gruppi armati"Tribuno del Popolo
martedì , 24 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Siria. Putin annuncia: “Noi diamo armi a governo legittimo, non a gruppi armati”

Siria. Putin annuncia: “Noi diamo armi a governo legittimo, non a gruppi armati”

Continua la conflittualità Usa-Russia in merito al conflitto siriano. Obama ha annunciato di voler finanziare i ribelli, Putin ha ribattuto che la Russia, al contrario, dà armi a un governo legittimo.

Chi sono i ribelli siriani? Sicuramente non ragazzi assetati di libertà e democrazia, o meglio non solo, ci sono anche tanti estremisti islamici che combattono per la sharia e per la Jihad. Ne sa qualcosa Vladimir Putin, presidente della Russia che è isolato nel sostenere di fronte all’opinione pubblica internazionale che sarebbe un tragico errore per la pace armare i ribelli siriani. Secondo Putin, che ha parlato durante il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, sarebbero almeno 600 i russi e gli europei che starebbero combattendo a fianco dei ribelli siriani contro il governo di Damasco. “E ‘noto che ci sono almeno 600 persone provenienti da Russia ed Europa che combattono insieme con le forze di opposizione in Siria“, ha detto Putin durante la sessione plenaria del Forum. Lo stesso Putin ha ribadito che le forniture di armi ai ribelli siriani violano il diritto internazionale, e minacciano ulteriormente di destabilizzare lo stato devastato dalla guerra. “Perché fornire armi ai gruppi miliziani in Siria, quando non siamo sicuri della composizione di questi gruppi?” , ha detto, aggiungendo che non è chiaro dove queste armi andranno a finire. Se gli Stati Uniti … riconosce una delle principali organizzazioni dell’opposizione siriana, al-Nusra, come organizzazione terroristica … come si può consegnare armi a questi membri dell’opposizione?” , ha detto ancora  Putin. “Dove andranno (quelle armi) a finire? E che ruolo giocheranno ? ” . Domande legittime che restano senza risposta. Anche per questo Putin ha ribadito che Mosca fornisce armi a un governo legittimo e non a gruppi armati non meglio specificati. Il presidente russo ha poi  osservato che il finanziamento e l’armamento all’opposizione armata in Siria sono in corso da tanto tempo fa, sottolineando che ciò che sta accadendo nel paese ormai non sarebbe stato possibile senza questo.A sua volta il ministero degli esteri russo, Sergey Lavrov, ha anche criticato la fornitura di armi ai ribelli nella sua osservazioni al AP e Bloomberg: “Il problema è che in ogni caso le armi stanno arrivando nella regione“. Ovviamente però nessuno sta pagando per questa palese violazione delle regole intertnazionali. E se si prende, come sapete, qualsiasi scorta di ciò che è in uso da parte dell’opposizione si dovrebbe trovare un sacco di armi che sono stati spediti dall’Occidente, tra cui gli Stati Uniti, per i paesi del Golfo e altri paesi della regione”, ha detto ancora Lavrov,  ”Allora, questo contrabbando continua e questo è molto pericoloso. in quanto la principale forza di opposizione è molto estremista “.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top