Siria. Si infiamma la frontiera con IsraeleTribuno del Popolo
giovedì , 27 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Siria. Si infiamma la frontiera con Israele

Mentre l’Occidente discute se attaccare o meno le postazioni dell’Isis in Siria, si combatte sulle alture del Golan tra esercito siriano e ribelli di Al-Nusra. L’esercito di Israele ha risposto al ferimento accidentale di due soldati sparando contro l’esercito siriano, ma come mai non è intervenuto contro i miliziani islamici? 

Non è la prima volta che si infiamma il confine tra Siria e Israele negli ultimi quattro anni. Senza alcun diritto internazionale Israele ha effettuato diversi raid in territorio siriano negli scorsi mesi/anni, basti ricordare il bombardamento di una base a Damasco e di un’altra a Latakia. In questo caso a scatenare le ostilità ci hanno pensato i miliziani jihadisti di Al-Nusra che combattono contro Damasco e che Assad sostiene essere appoggiati anche da Tel Aviv. I miliziani hanno conquistato un valico di frontiera con Israele sulle alture del Golan, si tratta di una zona altamente strategica dal momento che la dogana di Quneitra è l’unico valico tra di due Paesi in un territorio occupato e annesso unilateralmente da Israele nel 1967, una annessione peraltro mai riconosciuta dalla comunità internazionale. L’esercito siriano ha lanciato ieri una offensiva mirata a riprendere il valico e ha inferto pesanti perdite ad Al-Nusra che però sarebbe riuscito a tenere momentaneamente il valico. Inoltre durante gli scontri due soldati israeliani sono stati feriti accidentalmente e Israele ha subito lanciato una pesante rappresaglia aprendo il fuoco contro le posizioni dell’esercito siriano con l’artiglieria. Insomma in tutto questo emerge una domanda che vorremmo porre alla comunità internazionale e al governo israeliano: come mai aprono il fuoco contro le posizioni siriane e non contro i jihadisti di Al-Nusra e dell’Isis? E’ forse per Israele un pericolo maggiore un paese laico piuttosto che un Califfato che vuole applicare la Sharia a pochi miglia dai suoi confini? Intanto la situazione rischia di uscire fuori controllo dato che nelle scorse ore, per la prima volta, l’esercito libanese ha risposto al fuoco dei ribelli siriani che avevano attaccato la regione di Arsal.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top