Siria. Villaggio cristiano sotto assalto dei jihadistiTribuno del Popolo
martedì , 17 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Siria. Villaggio cristiano sotto assalto dei jihadisti

Siria. Villaggio cristiano sotto assalto dei jihadisti

Mentre gli Usa si preparano ad attaccare la Siria, gruppi vicini ad Al Qaeda hanno attaccato un villaggio cristiano antico fedele a Damasco nella Siria occidentale. Ora gli abitanti rischiano seriamente un massacro mentre gli scontri continuano nei dintorni della Capitale.

Photo Credit  (Reuters / Ahmed Jadallah)

Un gruppo vicino ad Al Qaeda ha attacco un villaggio a prevalenza cristiana colpevole di essersi schierato con Damasco nella sanguinaria guerra civile che sconvolge la Siria. L’attacco è cominciato quando i combattenti vicini ad Al Qaeda di Al-Nusra hanno mandato un kamikaze a farsi saltare in aria vicino al checkpoint all’ingresso del villaggio di Maaloula, un piccolo paese di 2000 anime. Ora il rischio è quello che le bande di jihadisti si abbandonino a feroci massacri di civili, e per il momento si sono installati all’interno di un hotel posto su una montagna poco distante. Dalla montagna i ribelli hanno sparato contro il villaggio, costringendo un centinaio di persone a sistemarsi all’interno del convento. Come se non bastasse altri ribelli hanno sparato colpi di mortaio su Damasco uccidendo Mohammed Ali Neimeh, un nazionale siriano di taekwondo, ucciso mentre si stava allenando. Scontri tra soldati e ribelli sono ancora in contro in quel di Daraya, poco lontano da Damasco, con i ribelli in difficoltà di fronte all’avanzata delle truppe regolari. Quando Obama parla di fermare il massacro dovrebbe anche fare riferimento a quelli perpetrati dai ribelli, coloro che i media consenzienti preferiscono al contrario proporci come delle povere vittime della repressione di Damasco. La realtà è che, dittatore o meno, con Assad in Siria non esistevano scontri a carattere religioso; ora, forse anche per la presenza di migliaia di combattenti jihadisti stranieri, lo scontro si sta polarizzando proprio su base religiosa. E se Obama dovesse bombardare consegnando la Siria ai ribelli, ecco che un possibile massacro di cristiani siriani sarebbe diretta responsabilità degli Stati Uniti.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top