Sonyleaks. Mosca si schiera con Pyongyang: "The Interwiew film scandaloso"Tribuno del Popolo
mercoledì , 18 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Sonyleaks. Mosca si schiera con Pyongyang: “The Interwiew film scandaloso”

Sonyleaks. Mosca si schiera con Pyongyang: “The Interwiew film scandaloso”

Dal giorno di Natale il film “The Interwiew” è stato trasmesso in un gran numero di sale e diffuso a pagamento sul web. Con tutta la pubblicità fatta a seguito dell’attacco hacker alla Sony alla fine le sale erano piene ma la Russia ha deciso di scendere in campo accanto alla Nord Corea accusando il film di essere una pellicola “aggressiva e scandalosa”. 

Alla fine Barack Obama è stato ascoltato e il film “The Interwiew” è stato trasmesso in diverse sale negli Stati Uniti con una prevedibile ottima risposta di pubblico. E non poteva essere altrimenti dal momento che tutte le vicende precedenti hanno ottenuto solo di fare da cassa di risonanza nei confronti di un film commedia che altrimenti avrebbe avuto ben poco da dire. Si tratta di una pellicola che mette in scena il tentativo da parte della Cia di uccidere Kim Jong-Un, ovviamente descritto in modo grottesco così come tutto il paese comunista. Comprensibile dunque la rabbia di Pyongyang, accusata di aver utilizzato un gruppo di hacker per sabotare la Sony, che infatti in un primo tempo aveva deciso di non diffondere più il film. Poi l’intervento di Obama che aveva chiesto di fare uscire comunque il film, e la promessa di ritorsioni nei confronti della Nord Corea anche se Pyongyang aveva negato ogni coinvolgimento proponendosi per una inchiesta congiunta. Anche la Russia, oltre alla Cina, è però tornata sull’argomento giudicando il film “The Interwiew” come una pellicola “aggressiva e scandalosa”. L’idea del film è talmente aggressiva e scandalosa che la reazione nordcoreana è comprensibile“, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Alexandre Loukachevitch. La Russia “è preoccupata dalla nuova escalation di tensioni tra Stati Uniti e Corea del Nord“, ha aggiunto il portavoce. E intanto proprio nelle scorse ore un attacco hacker ha disconnesso le Playstation e le Xbox da internet, un attacco hacker che secondo molti sarebbe da collegarsi in qualche modo all’attività della Nord Corea. Insomma la situazione torna a diventare molto ma molto tesa e la sensazione è che nei prossimi mesi vedremo altri capitoli della “CyberWar” inaugurata con l’ormai celebre “Sonyleaks” di questi giorni. Nei giorni scorsi del resto la Nord Corea aveva subito la disconnessione globale dal web al punto che alcuni analisti avevano pensato alla annunciata ritorsione nominata da Obama, anche se pure in questo caso mancano elementi per dare indicazioni in modo certo in un senso o in un altro. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top