Spagna. Addio alla leggeTribuno del Popolo
giovedì , 23 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Spagna. Addio alla riforma sull’aborto che riportava il Paese al 1985

La riforma della legge sull’aborto voluta dal governo Rajoy è stata finalmente abbandonata dall’agenda politica iberica dopo le dimissioni del ministro della Giustizia Alberto Ruiz-Gallardón, l’uomo che l’aveva fortemente voluta scatenando un vespaio di comprensibili polemiche. 

Con le dimissioni avvenute nella serata di ieri di Alberto Ruiz-Gallardòn la riforma della legge sull’aborto in Spagna finirà presto nel dimenticatoio. E meno male aggiungiamo noi dal momento che la legge proposta prevedeva di rendere quasi impossibile la possibilità di abortire. Il ministro della Giustizia spagnolo si è dimesso e sempre ieri il premier spagnolo Rajoy ha annunciato pubblicamente che il governo ritirava il progetto di legge per riformare la legge sull’aborto del 2010 che era stata varata dal governo Zapatero e che prevedeva dei termini entro i quali l’aborto veniva consentito riportando le lancette alla legge del 1985. Gallardòn si era esposto in prima persona per modificare la legge voluta dai socialisti e anche il Partido Popular aveva investito molto su questo filone, ben sapendo di conquistarsi gli appoggi della Chiesa cattolica. Alla fine però il progetto di legge è stato ritirato in quanto non ci sarebbe stato sufficiente consenso, come ha spiegato lo stesso Rajoy: “Non possiamo approvare una legge che sarà cambiata non appena arriva un nuovo governo“. Ora il governo si limiterà sostanzialmente a riformare la normativa che fissa i termini legali per l’interruzione volontaria di gravidanza, e a introdurre l’obbligo del consenso dei genitori per le minori di 16 anni che decidano di abortire. Quattro anni fa erano stati la Chiesa e il Partido Popular a indignarsi e opporsi alla legge sull’aborto che invece portò avanti con successo il Partito Socialista di Zapatero. Alla fine a Rajoy e a Ruiz-Gallardòn è mancato il consenso anche all’interno del Partido Popular dal momento che in molti hanno cominciato ad aver paura che varare una legge simile potesse costare diversi consensi in vista delle prossime elezioni nel 2015.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top