Spagna. La cura dell'Ue fa vivere in povertà un bimbo su treTribuno del Popolo
venerdì , 22 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Spagna. La cura dell’Ue fa vivere in povertà un bimbo su tre

Secondo uno studio della Ong Save The Children un bambino su tre vivrebbe in condizioni di povertà in Spagna. Non c’è che dire, davvero un bel biglietto da visita per l’Ue.

Premessa, noi del Tribuno guardiamo con viva preoccupazione ai movimenti di estrema destra che vorrebbero l’uscita immediata da questa Ue. Questo però non vuol dire che l’Ue sia una cosa buona e giusta, anzi. Il problema esiste per davvero e forse la sinistra dovrebbe interrogarsi a fondo sulle risposte da dare alla gente soprattutto in paesi come Spagna, Grecia, Portogallo e Italia, i paesi mediterranei che hanno pagato con lacrime e sangue i diktat della Troika e dell’Ue. Ne sanno qualcosa a Madrid dove, secondo la Ong Save The Children a causa della crisi circa un bimbo su tre vivrebbe in condizioni di povertà. Secondo gli ultimi dati il fenomeno interesserebbe 2,8 milioni di bambini, ovvero il 36,8% della popolazione minorenne iberica. La Spagna inoltre sarebbe uno dei paesi Ue con minore capacità di fronteggiare il fenomeno, con solo Atene messa peggio. La povertà sta privando migliaia di bambini spagnoli di istruzione, accesso ai servizi sanitari e a una dieta sana. Moltissimi bambini inoltre sono stati sfrattati dalle loro abitazioni a causa della crisi economica perchè i loro genitori sono incapaci di pagare il mutuo o l’affitto. Molti di loro vivono addirittura in roulotte e tende, oppure quando va bene hanno occupato case abbandonate spesso prive di acqua e luce. Inoltre secondo Save The Children il governo di Madrid ha deciso tagli ingenti nel settore delle politiche sociali, aggravando il fenomeno, sul banco degli imputati quindi il governo conservatore di Mariano Rajoy. Le iniziative adottate finora, come il fondo straordinario di 17 milioni annunciato dal Governo per la lotta alla povertà infantile, sono state giudicate “insufficienti” dato che l’attuale 25,1% del Pil spagnolo destinato a politiche di protezione sociale è al di sotto di 3,7 punti rispetto alla media europea, secondo l’Ong.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top