Stati Uniti. Arriva lo sciopero dei Fast Food che spaventa l'AmericaTribuno del Popolo
sabato , 27 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Stati Uniti. Arriva lo sciopero dei Fast Food che spaventa l’America

Nella giornata di giovedì in 100 città americane ci sarà uno “sciopero dell’hamburger” per protestare contro i salari troppo bassi.

Avete mai immaginato uno sciopero degli hamburger? Negli Stati Uniti potrebbe molto presto diventare realtà dal momento che a partire da giovedì in oltre cento città americane i lavoratori dei Fast food incroceranno le braccia per protestare contro i salari troppo bassi dei dipendenti e chiedere un aumento a 15 dollari all’ora. Sempre giovedì si terranno proteste, dibattiti e incontri un pò in tutti gli Stati Uniti, come peraltro riportato anche dal New York Times. La vicenda è molto seguita negli Stati Uniti e ci parla di un grande disagio da parte dei lavoratori dei fast food, da sempre costretti a convivere con ritmi di lavoro frenetici e stipendi non adeguati. Quello di giovedì sarà il secondo sciopero di sempre del settore, con i lavoratori che, tra le altre cose, chiedono anche di potersi iscrivere ai sindacati senza la minaccia di subire ritorsioni. La National Restaurant Association ha però voluto mettere in guardia ricordando che aumenti di questo tipo potrebbero portare a tagli nelle assunzioni. Dal conto loro i lavoratori non si rassegnano, ancor più che sanno benissimo che i profitti delle loro aziende sono molto alti e quindi i loro stipendi potrebbero tranquillamente venire aumentati senza mettere a rischio il funzionamento dell’azienda. Stipendi bassi e ritmi frenetici rendono ormai il lavoro nei Fast Food sempre più usurante e pesante, motivo per cui la mobilitazione di giovedì andrà seguita con attenzione particolare in un Paese, gli Stati Uniti, dove sentire di scioperi e mobilitazioni fa sempre specie.

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/mtumesoul/9402829566/”>Annette Bernhardt</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top