Stati Uniti. Il passaggio da democrazia a plutocrazia è compiutoTribuno del Popolo
venerdì , 24 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Stati Uniti. Il passaggio da democrazia a plutocrazia è compiuto

Da tempo si parla di democrazia in pericolo nel mondo occidentale. Alla luce di uno studio chiamato “Billionaire Bonanza” dell’Institute for Policy Studies per quanto riguarda gli Usa sarebbe possibile parlare compiutamente di “plutocrazia”, ovvero governo dei ricchi. Secondo il rapporto infatti le 20 persone più ricche degli Stati Uniti possiede più ricchezza del 50% della popolazione totale americana.

Proporre la società americana come un modello sta diventando sempre più difficile per più di un aspetto, a cominciare dalla brutalità della polizia fino al crescente numero di Homeless o al proliferare di armi. Uno studio pubblicato dall’ Institute for Policy Studies infatti parla esattamente della disuguaglianza di ricchezza ormai fuori controllo nella società americana. Studio alla mano le venti persone più ricche degli Usa possiedono più ricchezze della metà della popolazione americana pari a circa 152 milioni di persone e a 57 milioni di famiglie. Nel rapporto gli autori sostengono che finora si sia abbondantemente sottostimato il livello di concentrazione della ricchezza in poche mani. Inoltre la crescita dell’uso di paradisi fiscali all’estero ha reso ancora più difficile monitorare la concentrazione di ricchezza, rendendo quindi difficile operare contro la diseguaglianza. I più ricchi, potendolo fare, tendono infatti a portare le loro ricchezze nei paradisi fiscali evitando in questo modo di pagare le tasse.

Solo negli ultimi dieci anni i 400 individui più ricchi degli Usa si sono arricchiti a dismisura- Forbes ha cominciato sin dal 1982 a pubblicare la lista dei 400 più ricchi d’America, e attualmente il peso totale della ricchezza dei 400 più ricchi supererebbe di 2.34 trilioni di dollari e avrebbe goduto di grandi esenzioni fiscali. Come annunciò l’economista francese Thomas Piketty infatti, l’economia americana starebbe diventando una aristocrazia ereditaria per quanto riguarda ricchezza e potere.  Il rapporto avrebbe inoltre messo in evidenza come esistano gruppi di interesse e lobbisti a rappresentare imprese commerciali o professionisti mentre ce ne siano pochissimi quando non nessuno a difendere i poveri e i lavoratori comuni. Insomma gli Usa sono ormai compiutamente una Repubblica per ricchi, o forse è meglio definirla plutocrazia. Del resto gli stessi rappresentanti eletti negli Usa in realtà rappresentano la popolazione molto di meno rispetto a coloro che finanziano le campagne di questo o quel candidato imposto dall’alto. Chi ha i soldi nella sostanza comanda e detta le regole mentre agli altri non resta che adeguarsi. Senza l’appoggio da parte di super miliardari in sostanza sarebbe molto difficile per chiunque riuscire a farsi eleggere, o anche solo portare avanti una candidatura.

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top