Stati Uniti. In arrivo Robocop nella polizia del futuro | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 20 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Stati Uniti. In arrivo Robocop nella polizia del futuro

Una notizia inquietante ma per certi versi anche entusiasmante arriva dagli Stati Uniti. La DARPA ha firmato un contratto da 10,9 milioni di dollari  con la Boston Dynamics per produrre robots umanoidi da utilizzare in operazioni di soccorso o nel caso di calamità naturali. I prototipi saranno pronti per l’agosto 2014, e in molti credono che sarà solo il primo passo prima di produrre poliziotti robot veri e propri.

Spesso aiutare lavoratori in difficoltà o salvare persone sommerse da frane o coinvolte in crolli, risulta molto rischioso per le squadre di soccorso. Anche per questo motivo la DARPA ha firmato un contratto da circa 11 milioni di dollari con la Boston Dynamics per costruire robots umanoidi bipedi, costruiti a immagine  e somiglianza degli esseri umani con sensori sulla testa e computer di bordo. Il progetto dovrebbe essere ultimato nell’agosto del 2014, e questi robots potranno essere sperimentati nelle missioni di soccorso, almeno in base a quanto riferito dalla DARPA. Questi robots potranno essere utilizzati anche nelle opere di evacuazione durante disastri naturali o causati dall’uomo. Kent Massey, il direttore di programmi avanzati per la HDT Robotics, e che ha partecipato al meeting organizzato dalla DARPA con il proposito di spiegare la tecnologia di questi robots umanoidi, ha spiegato:”L’obiettivo di questa grande sfida è di creare un robot umanoide in grado di operare in un ambiente costruito per la gente e utilizzare programmi per la gente. La sfida più specifica comunque è quella di rispondere a un disastro”. Un altro degli interessi della DARPA è quello di sviluppare super-soldati, e per questo hanno stanziato 7 milioni sui 2,8 miliardi di dollari del budget 2012 per sviluppare interfacce e algoritmi in grado di abilitare un soldato a collaborare con partner meccanici semi-autonomi in grado di agire come surrogati dei soldati in carne ed ossa. Questi robots controllati dall’uomo dovrebbero essere in grado di ripulire una stanza e di facilitare servizi di sicurezza e recupero dei feriti.  Secondo molti questi novelli Robocop potranno ben presto essere utilizzati per reprimere proteste civili o rivoluzioni popolari che escono dall’alveo dell’agenda del potere. Come se non bastasse la  Stanford University’s Aerospace Robotics Laboratory (ARL) vorrebbe persino introdurre i robots nel corso di operazioni di forze speciali come le squadre d’assalto SWAT.

VAI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top