Stati Uniti. Marijuana diventa legale anche nel distretto di Washington | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
martedì , 30 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Stati Uniti. Marijuana diventa legale anche nel distretto di Washington

Da poche ore la marijuana è diventata legale anche nel distretto di Washington. Avanza dunque la legalizzazione negli Stati Uniti e la speranza è che presto possa essere all’ordine del giorno anche in Europa, ancor più che si tratta di un possibile volano di crescita economica nonchè di una opportunità per colpire la criminalità organizzata. 

La legalizzazione della marijuana negli Stati Uniti segna un altro punto a proprio vantaggio. Dopo l’Alaska, il Colorado e lo stato di Washington, i primi a sperimentare la legalizzazione del possesso e dell’uso della marijuana per scopo ricreativo, questa volta è il turno del distretto di Washington. Tutti coloro che avranno compiuto il 21esimo anno di età infatti, da poche ore a questa parte, saranno autorizzati dalla legge a possedere fino a 56 grammi di cannabis a testa e a coltivare fino a sei piante anche nelle proprie abitazioni private.  Chiaramente la vendita e l’acquisto di cannabis rimarrà illegale così come il consumo che avverrà in luoghi pubblici, ma si tratta comunque di un altro, interessante e inesorabile passo in avanti verso la legalizzazione della cannabis. Insomma davvero un bel giorno per la legalizzazione, l’ennesimo passo in avanti dopo che negli ultimi anni finalmente si è cominciato davvero a parlarne anche grazie a presidenti come Pepe Mujica che hanno deciso di legalizzare il consumo di cannabis anche per dare un duro colpo alla criminalità organizzata. La strada che ha portato alla legalizzazione nel distretto di Washington non è comunque stata facile, anzi. Tutto è cominciato con il referendum dello scorso novembre nel quale i cittadini del distretto si sono espressi favorevolmente nei confronti della legalizzazione. Ma dal momento che Washington è un distretto federale e non uno Stato ha bisogno dell’autorizzazione del Congresso per approvare quasi tutte le sue leggi .Il 24 febbraio due parlamentari in questo senso hanno inviato una lettera alla sindaca Muriel Bowser nella quale si dichiarava che la legalizzazione avrebbe sostanzialmente violato le leggi americane. Ora il Congresso potrebbe anche revocare la legge ma dovrà farlo entro un mese dalla sua approvazione e la sensazione è che ormai sia troppo tardi per tornare indietro ancor più che gli altri stati come il Colorado hanno incassato parecchi dollari a seguito della legalizzazione della marijuana. L’erario infatti grazie alla legalizzazione ha guadagnato qualcosa come 5 milioni di dollari che sono stati utilizzati per finanziare progetti sociali e scuole. Inutile dire che tutto questo potrebbe tornare utile anche in Italia, dove però un discorso serio sull’argomento è ancora lontano nonostante alcune riviste, come il magazine Scientific Reports, abbia recentemente sottolineato  come l’abuso di alcol sia 114 volte peggio per la salute di quello da marijuana.

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/93751555@N04/10024802124″>IMG_3179</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/”>(license)</a>

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top