Stati Uniti. Spari contro la polizia a FergusonTribuno del Popolo
sabato , 23 settembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Stati Uniti. Spari contro la polizia a Ferguson

Riesplode la questione razziale negli Stati Uniti dopo che negli ultimi giorni  sono giunte voci di nuovi abusi da parte della polizia. Questa volta a Ferguson un sit-in pacifico si è trasformato improvvisamente quando qualcuno ha aperto il fuoco contro due agenti di polizia, ferendoli.

Torna la tensione e torna proprio a Ferguson, lo stesso luogo dove nell’estate del 2014 gli agenti di polizia uccisero il 18enne Michael Brown. Più precisamente era il 9 agosto 2014, una data che la comunità nera e non solo della città non dimenticheranno tanto presto. La morte del giovane Brown portò la questione dell’atteggiamento delle forze di polizia nei confronti delle persone di colore in America all’ordine del giorno, e da allora si sono verificati altri gravi casi di abusi veri o presunti della polizia con altri tragici decessi in diversi luoghi degli Stati Uniti. Quanto successo a Ferguson nelle scorse ore però, rischia di approfondire sempre di più la lacerazione all’interno della società americana dal momento che due agenti di polizia sono stati feriti a colpi di arma da fuoco al termine di una manifestazione indetta di fronte alla sede del dipartimento di polizia di Ferguson. La folla si era radunata poco dopo l’annuncio delle dimissioni del capo della polizia di Ferguson, Thomas Jackson, dimissioni che erano state pretese e chieste a gran voce dalla comunità afroamericana a seguito dell’uccisione di Michael Brown. Poco dopo la mezzanotte qualcuno ha aperto il fuoco contro i due agenti, e anche se non sarebbero in pericolo di vita secondo diverse fonti le loro condizioni sarebbero “molto serie”. Si tratta del frutto avvelenato dell’esasperazione razziale, l’epilogo scontato di un risentimento enorme che è nato in seno alla comunità nera di fronte all’uccisione ripetuta di persone disarmate che ha causato ondate di rabbia e indignazione in tutta l’America. Ora si cerca di capire chi sia stato ad aprire il fuoco, secondo alcuni testimoni sarebbe stato qualcuno da una casa vicina anche se ora saranno gli inquirenti a fare le indagini del caso. In ogni caso la situazione sembra essere drammatica e la tensione destinata a salire dopo questo episodio. Già nei giorni scorsi era arrivato il rapporto shock del Dipartimento di Giustizia che aveva accusato apertamente il dipartimento di polizia di Ferguson di aver attuato comportamenti razzisti nei confronti della comunità afroamericana, che ne risultava sistematicamente discriminata.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top