Stati Uniti. Tutti a comprare gli Ak-47 prima delle sanzioni alla RussiaTribuno del Popolo
lunedì , 16 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Stati Uniti. Tutti a comprare gli Ak-47 prima delle sanzioni alla Russia

Stati Uniti. Tutti a comprare gli Ak-47 prima delle sanzioni alla Russia

Dopo che Washington ha annunciato le nuove severe sanzioni ai danni della Russia i negozi di armi americani segnalano una vera e propria corsa alle armi da parte dei cittadini americani che vogliono accaparrarsi il prestigioso fucile che verrà ritirato dal mercato. 

Agli americani piacciono le armi, anche quelle russe. Per questo dopo che Obama ha lanciato le sanzioni contro la Russia, in molti hanno scoperto con sgomento che comprendevano anche le armi, e quindi il famoso fucile mitragliatore russo Ak-47, inserito nella lista dei prodotti ritirati dal mercato americano. Alla notizia migliaia e migliaia di appassionati e hanno letteralmente fatto incetta di Ak-47 al punto da sollevare l’allarme delle autorità. Pochi giorni prima nei negozi di armi si vedevano code impressionanti di collezionisti ma anche di commercianti di armi che volevano accaparrarsi più fucili possibile per rivenderli a prezzi decisamente superiori poco tempo dopo. Secondo il Washington Post alcuni clienti avrebbero acquistato in un solo giorno anche dieci Ak-47 a mille dollari l’uno per poi rivenderli successivamente a prezzi maggiorati. Un boom di vendite che spaventa e non poco dal momento che il fenomeno della vendita di armi è in netto aumento in tutto il Paese. Negli anni scorsi si era assistito già a un’altra corsa alle armi, era il 2013 ai tempi in cui Obama spingeva per una riforma che limitasse la vendita e la circolazione di armi e munizioni negli Stati Uniti dopo l’ennesima strage in una scuola. La semplice voce che potessero cambiare le regole indussero migliaia di americani a correre ai negozi per comprare armi, facendo registrare un aumento delle vendite di quasi il 60% rispetto all’anno precedente. In tutto questo le armi sono ormai diventate quotidianeità nella vita negli Stati Uniti d’America.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top