Stiglitz. Bordate contro l'austerityTribuno del Popolo
lunedì , 27 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Stiglitz. Bordate contro l’austerity

Il Premio Nobel per l’Economia, Joseph Stiglitz, intervenendo a margine dello Strategic Forum in Banca d’Italia ha colto l’occasione per attaccare ancora una volta Bruxelles in merito all’austerity che ha causato e originato la crisi. 

Jospeh Stiglitz già in passato di era scagliato senza fraintendimenti contro le politiche di lacrime e sangue meglio note come austerity applicate dall’Ue e fortemente volute dalla cancelliera tedesca Angela Merkel. Negli ultimi anni l’austerity ha provocato enormi sofferenze soprattutto nelle economie di Grecia, Italia, Spagna, Portogallo e Francia, e da Bruxelles non si vede all’orizzonte un cambio in vista. Parlando in occasione dello Strategic Forum in Banca d’Italia, Stiglitz ha colto l’occasione per esprimere un severo giudizio sulle politiche europee e ha suggerito che l’Europa dovrebbe investire di più e non di meno per uscire dalla crisi economica. Non solo, secondo Stiglitz l’austerity alla tedesca che si basa sul controllo del deficit starebbe pesantemente ostacolando gli investimenti produttivi. Secondo l’economista insomma, “i governi dovrebbero spendere più soldi per investire in progetti che, pur aumentando le passività, farebbero crescere gli asset in proporzione maggiore”. L’austerity insomma distrugge letteralmente il capitale umano che potrebbe invece, se adeguatamente valorizzato, portare a una potenziale crescita futura. Per questo Stiglitz suggerisce di cambiare le regole europee, fatto però a oggi molto difficile. L’economista ha anche espresso un giudizio positivo su Matteo Renzi ma ha anche affermato che l’Italia si trova condizionata da inerzie che ne condizionano le scelte. Insomma, non ci andava certo un genio per capire che l’austerity sta conducendo l’Europa verso un binario morto, ma la sensazione è che a Bruxelles abbiano ben altre idee. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top