Su Istruzione e Sanità Cuba ha da insegnare al mondoTribuno del Popolo
sabato , 18 novembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Su Istruzione e Sanità Cuba ha da insegnare al mondo

La Banca Mondiale ha ammesso che il sistema educativo cubano è il migliore di tutto il Sud e Centro America. Non solo il livello raggiunto dal sistema sanitario cubano può persino rivaleggiare con quello di Paesi cosiddetti “sviluppati”, questo nonostante un feroce embargo. 

Lo avreste mai detto che Cuba, nonostante un embargo e sostanzialmente la totale avversità di tutto l’Occidente, ha realizzato un sistema educativo e sanitario di prima fascia? I vari giornali come Repubblica, La Stampa e compagnia cantante preferiscono ogni volta dare spazio a personaggi come Yoani Sanchez per denigrare la “dittatura comunista” di turno, ma di fronte ai dati di un organo autorevole come la Banca Mondiale, non certo in mano a un pugno di bolscevichi, si può solo tacere e prendere atto della realtà. Il sistema educativo cubano infatti, come sottolineato da Fabio Marcelli su “Il Fatto Quotidiano”, è il migliore di tutta l’area latinoamericana e caraibica, e non solo, può addirittura competere con i sistemi di paesi sulla carta “sviluppati”. Secondo un recente rapporto infatti Cuba ha a disposizione un corpo docente di primordine, ben pagato e con talento, al pari di paesi come Finlandia, Singapore, Cina, Corea, Paesi Bassi, Svizzera e Canada. Ma come non ci credete? Vi hanno sempre raccontato di Cuba come di terra di povertà e oppressione? Evidentemente non vi hanno informato adeguatamente. E dire che anche negli anni passati il Banco Mondiale aveva sottolineato come nei campi dell’istruzione e della sanità Cuba avesse un sistema pubblico “che supera il livello presente nella maggiore parte dei Paesi in via di sviluppo e in alcuni settori è comparabile a quello dei Paesi sviluppati“. La cosa più importante però è l‘accesso universalmente riconosciuto alla salute e all’educazione, uno degli obiettivi primari della Rivoluzione del 1959, e che è stato brillantemente conseguito portando all’eliminazione dell’analfabetismo, all’accesso per tutti all’acqua potabile e alla salute pubblica di base. Non solo, il governo rivoluzionario ha portato a livelli bassissimi la mortalità infantile  e ha alzato la speranza di vita, facendo segnare voci positive agli indicatori sociali dal 1960 fino al 1980. La Banca mondiale ha inoltre constatato come le prestazioni dei servizi sociali a Cuba siano fra le migliori del mondo in via di sviluppo, come documentato del resto da fonti di varie organizzazioni internazionali come l’Organizzazione mondiale della salute, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo e altre agenzie delle Nazioni Unite. Tutto questo in un Paese che patisce da oltre cinquant’anni un embargo e numerosi atti di terrorismo da parte degli Stati Uniti, che si permettono di fare lezioni di democrazia a Cuba, un paese che spende il 13% del proprio bilancio nazionale nell’insegnamento contro il 4,6% di un paese sulla carta sviluppato come l’Italia.

Dc

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top