Tregua saltata a Gaza. E Israele ricomincia i bombardamentiTribuno del Popolo
martedì , 17 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Tregua saltata a Gaza. E Israele ricomincia i bombardamenti

Tregua saltata a Gaza. E Israele ricomincia i bombardamenti

La tregua di tre giorni tra Israele e Hamas è già saltata dopo meno di tre ore. Poco dopo l’entrata in vigore della tregua sono morti decine di palestinesi a Gaza e il numero totale di palestinesi uccisi è arrivato a 1440. 

Sono 1440 i palestinesi morti dopo 24 giorni di conflitto, e il numero di morti ha già superato quello dell’operazione Piombo Fuso del 2008/2009. Le cifre però non fermano Israele che intende continuare le sue operazioni militari a oltranza, questo nonostante anche l’Onu e persino gli Stati Uniti li abbiano invitati alla moderazione dopo le recenti stragi di innocenti nelle scuole e nei mercati. Questa mattina doveva finalmente entrare in vigore una tregua di tre giorni, ma dopo nemmeno due ore sono morti altri 40 palestinesi con oltre 200 feriti. Israele e Hamas si accusano a vicenda con Tel Aviv che ha detto che i miliziani di Hamas avrebbero lanciato alcuni razzi dalla Striscia violando così la tregua, ma Hamas ha risposto a tono accusando Israele di non rispettare mai i suoi impegni. Intanto anche l’Egitto avrebbe deciso di defilarsi e di cancellare i colloqui stabiliti con israeliani e palestinesi in vista di stabilire un cessate il fuoco a Gaza. E dire che doveva essere una tregua duratura quella che Israele aveva accettato obtorto collo grazie alle pressioni di Usa e Onu, un cessate il fuoco che doveva servire ai palestinesi per riuscire a seppellire i morti e trovare acqua e cibo dal momento che la situazione umanitaria della Striscia è al collasso. Israele però cinicamente continua a colpire, del tutto incurante delle vittime tra i civili, del tutto incurante di aver colpito mercati, ospedali, case civili e scuole, del tutto incurante della presa di distanze dell’Onu, scioccata di fronte alle violenze. Il numero dei soldati israeliani uccisi è invece salito a 61, con Israele che accusando Hamas del lancio di razzi continua a martellare Gaza e Rafah. Di fronte a questa spirale di violenza appare impossibile o quasi capire come e quando ci sarà una tregua, la sensazione è che nessuno sia in grado di fare reali pressioni su Tel Aviv per porre a fine a quello che sta diventando ogni giorno di più un massacro.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top