Treviso. Il sonno della ragione genera i mostriTribuno del Popolo
domenica , 22 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Treviso. Il sonno della ragione genera i mostri

A Treviso è andato in scena qualcosa di molto brutto, qualcosa che ci spiega come persone per bene possano modificarsi a causa dell’esasperazione, come la paura possa scavare solchi tra esseri umani. Siamo di fronte al solito scenario della “guerra tra poveri” con i profughi che diventano il bersaglio dei cittadini, e tutto questo serve all’estrema destra per continuare a speculare sul dolore e la sofferenza delle persone.

A volte qualcuno si chiede che cosa scatti nell’animo umano in grado di trasformare cittadini a modo in uomini pronti a tutto. Probabilmente c’è tanta esasperazione e basta poco, davvero poco, per far scattare la rabbia in queste persone, eppure osservando le immagini dei mobili dei profughi dati alle fiamme vengono davvero in mente brutte scene che si sperava fossero relegate per sempre a un lontano passato. Ma andiamo con ordine, stiamo parlando di quanto successo a Treviso, nel ricco e operoso Veneto di Zaia, dove l’arrivo di un centinaio di richiedenti asilo africani ha scatenato la rabbia cieca dei residenti. Il bilancio di una notte di follia è stata di diverse Tv date alle fiamme assieme ai mobili che dovevano arredare le case dei profughi, nonchè un linciaggio sfiorato quando è arrivato il cibo loro destinato. “Non siamo razzisti” dicono i cittadini sfogliando i reportage che i vari quotidiani hanno fatto sulla nottata di Treviso, eppure vedendo i carabinieri a difendere la palazzina sembra quasi che se non ci fossero stati sarebbe potuto accadere anche qualcosa di peggio. I profughi si sono chiusi nelle case con le tapparelle abbassate, come se temessero un assalto da parte dei cittadini, e l’assalto è ovviamente arrivato. Non potevano infatti mancare personaggi dell’estrema destra, vedi Forza Nuova, che hanno fatto che infiltrarsi nelle proteste, sguazzando da tempo nella guerra tra poveri. Alcuni militanti di Forza Nuova assieme a residenti del palazzo nella notte hanno sfondato una recinzione, rotto una finestra, e fatto irruzione in un appartamento dove hanno trovato tutti gli oggetti destinati agli altri appartamenti. Qui hanno rubato almeno 6 tv al plasma che sono state ammucchiate in strada e date alle fiamme, poi hanno raccattato anche altri oggetti accatastandoli in mezzo al giardino per quello che i militanti di estrema destra hanno chiamato “bottino di guerra”. E ovviamente non poteva mancare la Lega Nord a correre come sciacalli sulla preda, perchè dove ci sono cittadini italiani arrabbiati contro gli extracomunitari bisogna sempre supportarli a qualsiasi costo secondo il Carroccio pensiero. Esistono persone che si sentono autorizzate a fare qualsiasi cosa perchè si sentono sotto assedio, esistono persone che secondo il vecchio manuale della guerra tra poveri vogliono far pagare ai più deboli il loro disagio. Evidentemente è qualcosa di naturale quando le Tv bombardano tutti i giorni con notizie xenofobe e con terrorismo mediatico volto a far percepire la situazione come “sotto assedio”. Così padri di famiglia o persone normali si sentono autorizzate a realizzare blitz, rubare, bruciare e minacciare perchè loro no, non ci vogliono stare nel “quartiere dei neri” perchè il prezzo delle loro case così si svaluterà. Così i cittadini della palazzina dormiranno un’altra notte in tenda perchè non si può dormire assieme ai neri, ma loro si sa, “non sono razzisti”. E quando ci sono politici che al posto che pensare a risolvere i problemi preferiscono trovare fasce deboli cui addossare la colpa per intestarsi i voti, ecco che siamo veramente in uno di quei periodi in cui il sonno della ragione, genera mostri.

Gb

Photo Credit: Repubblica.it

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top