Trivellazioni. In Puglia tutti uniti per dire "No Triv"Tribuno del Popolo
martedì , 23 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Trivellazioni. In Puglia tutti uniti contro Renzi per dire “No Triv”

Anche il governatore della Puglia Michele Emiliano ha deciso di dichiarare “guerra” a Matteo Renzi sulle trivellazioni e di mobilitarsi attivamente. In vista del referendum sulle trivellazioni che irrita non poco Renzi, in tanti al Sud si stanno mobilitando  per aderire ai comitati “No Triv”.

Da tempo si parla delle trivellazioni petrolifere nelle regioni italiane, e i comitati locali hanno reagito mobilitandosi e organizzando un vero e proprio referendum contro le trivelle. In Puglia si sta facendo portavoce di questa protesta dei territori contro le decisioni prese sempre altrove il governatore del Pd Michele Emiliano che, a dispetto della sua appartenenza allo stesso partito di Renzi, sta se non altro cavalcando l’onda della protesta per portare a casa un successo nel referendum. Del resto lo stesso Renzi non ha mai nascosto di provare fastidio nei confronti del referendum sulle trivellazioni

Per questo motivo Emiliano ha deciso di mobilitare tutti i 260 circoli del Pd pugliese per esortarli ad aderire ai comitati del No Triv, e tale notizia sicuramente non piacerà a Matteo Renzi. La paura dei pugliesi è infatti che l’esecutivo dell’ex sindaco di Firenze voglia in qualche modo sabotare il referendum contro le trivellazioni, e non a caso non è certo solo Emiliano con i circoli del Pd locali a opporsi al piano di aprire le trivellazioni nel Sud, isole Tremiti comprese. In questo contesto anche altre realtà politiche regionali  hanno espresso la volontà di opporsi alle trivellazioni, da Sinistra e Libertà fino al Movimento Cinque Stelle che ha chiesto la revoca immediata della autorizzazione governativa accordata la vigilia di Natale alla Petroceltic per meno di 2000 euro al mese. A fare notizia però è che sia proprio Emiliano ad aver preso posizione, a dimostrazione che lo stesso Pd è diviso al suo interno forse ben più di quanto si potrebbe immaginare. E infatti Renzi comincia a spaventarsi al punto di aver già fatto trapelare la sua irritazione tanto che nei prossimi giorni anche gli organi di stampa a lui vicini potrebbero già cominciare  a martellare con articoli contro i “gufi” contrari alla modernità e così via.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top