Trump o Clinton? Comunque vada per il mondo NON sarà un successoTribuno del Popolo
martedì , 24 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Trump o Clinton? Comunque vada per il mondo NON sarà un successo

Trump o Clinton? A sentire i media in teoria sarebbe una scelta facile in quanto Donald Trump si presenta come una sorta di outsider irricevibile e pericoloso nella politica americana, connotando la sua offerta politica di xenofobia, populismo e aggressività. Dall’altro lato Hillary Clinton però solo apparentemente sembra essere una scelta migliore in quanto rappresentante di poteri che spingerebbero forte sul pedale dell’interventismo globale e nella contrapposizione con Mosca, mentre Trump ha appena dichiarato di voler “andar d’accordo con la Russia”.

Diciamocelo pure, sentendo le notizie quotidiane che parlano di Donald Trump e della sua campagna per la presidenza verrebbe quasi difficile sostenere che ci potrebbe ragionevolmente essere qualcosa di peggio. Razzista, aggressivo, sciovinista e anche un pò fascista Trump incarna perfettamente una delle facce dell’America, quella dell’elettorato repubblicano deluso ma anche quello del ventre profondo degli Usa fatto di ignoranza e luoghi comuni, un volto sicuramente pericoloso per la pace nel mondo in quanto Trump non sembra sotto nessun aspetto un uomo in grado di esercitare il ruolo di presidente del paese più importante al mondo. Sembra quasi un film già scritto con Donald Trump troppo brutto e cattivo per vincere e tutti gli americani che lo temono che si coalizzano con la Clinton per fermarlo, con Hillary che sembra quindi vedersi costruire un ruolo di “salvatrice della patria” quasi hollywoodiano. Eppure paradosso dei paradossi tutta una serie di settori del potere economico e finanziario americano che per diversi motivi traggano linfa dalla guerra potrebbero appoggiare proprio Hillary Clinton che in questo caso reciterebbe il ruolo di “lupo vestito da agnello”. Insomma in tanti voteranno Clinton sperando in questo modo di votare per la pace, ma potrebbe non essere proprio così. Progressista e democratica, almeno a parole, in politica interna, Hillary Clinton si è dimostrata una spietata interventista in politica estera e con la sua elezione alla Casa Bianca i rapporti già pessimi con il Cremlino andrebbero in caduta libera. Sentite invece cosa ha detto Donald Trump sulla Russia nel corso dell’ultimo dibattito tv a quanti lo hanno accusato di aver manifestato stima nei confronti di Vladimir Putin: “sarebbe cosi’ male se andassimo d’accordo con la Russia?“(Fonte Ansa) Evidentemente sì, ed evidentemente una certa America, quella “democratica” dei Clinton, preferirebbe giocare con la Terza Guerra Mondiale piuttosto che normalizzare dei rapporti internazionali che rischiano di portare il mondo verso il baratro.

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top