Turchia. Allarme rosso per la museruola a internetTribuno del Popolo
martedì , 28 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Turchia. Allarme rosso per la museruola a internet

Dopo la decisione del presidente turco Abdullah Gul di promulgare la controversa legge sul controllo di internet, e dopo aver sottomesso la giustizia all’esecutivo, la democrazia in Turchia è stata seriamente messa a repentaglio dal partito di Erdogan, Akp. 

Brutti venti in Turchia per la democrazia dopo che il governo di Erdogan ha deciso una stretta autocratica che potrebbe portare Ankara a una vera e propria autocrazia. Dopo aver piegato la Giustizia e il potere dei magistrati, subordinandolo al potere dell’esecutivo, il governo turco ha anche epurato la polizia e soprattutto ha deciso di mettere la museruola a internet. Tutte iniziative liberticide, ma anche qui come mai Ue e Usa non prendono posizione nei confronti di Ankara?

Intanto il presidente turco Abdullah Gul ha annunciato di avere promulgato la controversa legge sul controllo di internet dopo che il governo gli ha assicurato che presenterà alcuni emendamenti sui punti che destano preoccupazioni.  Si tratta di una legge liberticida fortemente voluta dal premier Erdogan ma che è stata definita come legge bavaglio dall’opposizione criticata anche, questa volta sì, da Usa, Ue, e Ocse. Gul, presidente chiamato a ratificare la legge, inizialmente aveva ammesso che la legge poneva problemi e aveva promesso di lavorarci su per renderla accettabile. Intanto però Gul ha subito un simpatico “contrappasso”: dopo aver dato il via libera alla legge controversa contro il web, il presidente ha perso qualcosa come 80.000 followers Twitter, un chiaro segnale lanciato al governo turco da cittadini esasperati. Ironia della sorte Gul aveva scelto proprio Twitter per comunicare di aver promulgato la legge liberticida della museruola al web. 

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/secdef/6520181983/”>Secretary of Defense</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top