Turchia. Bombe ad Ankara contro corteo per la pace: decine i mortiTribuno del Popolo
lunedì , 29 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Turchia. Bombe ad Ankara contro corteo per la pace: decine i morti

Due bombe sono esplose durante una manifestazione pacifica ad Ankara, di fronte alla stazione ferroviaria della capitale. Si trattava di una manifestazione pacifista per chiedere la fine del sanguinoso conflitto con i separatisti curdi del Pkk. In Turchia ora si respira un clima pesantissimo in vista delle elezioni. 

La Turchia ormai è di nuovo sotto shock dopo quanto successo ad Ankara, dove due ordigni sono esplosi in mezzo ai manifestanti radunatisi di fronte alla stazione ferroviaria. Si trattava di una manifestazione organizzata per manifestare contro la guerra della Turchia ai separatisti curdi del Pkk e il bilancio, del tutto provvisorio, parla di una ventina di morti e di un numero imprecisato di feriti. Secondo alcune fonti sarebbe stato un kamikaze a realizzare il terribile attentato proprio poche ore prima dell’inizio del corteo pacifico. Un vero e proprio incubo che ha avvolto il Paese allo stesso modo di quanto successo qualche tempo fa a Suruc, quando un kamikaze aveva fatto strage di decine di ragazzi dei giovani socialisti turchi che stavano organizzando missioni di pace a Kobane, la città martire della lotta dei curdi contro l’Isis. Insomma il Paese ripiomba nuovamente nel terrore e lo fa quando manca sempre di meno alle elezioni, non certo una situazione di stabilità e serenità. Del resto il premier Erdogan nelle elezioni del 7 giugno aveva perso la maggioranza parlamentare per la prima volta in dieci anni, e ora il nervosismo è alle stelle ancor più che la guerra civile contro i curdi del Pkk sembra avviata verso una nuova spirale di violenze. Il premier turco inizia forse a comprendere che la sua ambiguità in Siria nei rapporti con i ribelli islamisti anti-Assad, e il pugno duro utilizzato in Turchia contro curdi e opposizioni, stanno cominciando a scavare un solco sempre più grande tra lui e la cittadinanza che potrebbe prima o dopo stancarsi delle violenze e chiedere una pacificazione.  Il governo turco sembra però avere ben altre idee…

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top