Turchia. Nuova ondate di proteste in tutto il PaeseTribuno del Popolo
giovedì , 23 novembre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Turchia. Nuova ondate di proteste in tutto il Paese

Nuova ondata di proteste in Turchia dove le piazze si sono nuovamente gremite per commemorare il 19enne Ali Ismail Korkmaz, morto dopo aver subito percosse durante una manifestazione.

Nuova notte di proteste in tutta la Turchia dove le piazze si sono letteralmente gremite da Ankara a Istanbul per commemorare la morte di Ali Islamil Korkmaz, ragazzo di 19 anni morto il 10 luglio dopo oltre 30 giorni di coma a causa delle percosse subite dalla polizia nel corso di una manifestazione antigovernativa in corso nella provincia meridionale di Hatay. Migliaia di persone si sono radunate a Istanbul, Ankara, Eskisehir e Hatay per protestare contro le violenze della polizia. Ad Hatay il funerale del ragazzo si è poi trasformato in un vero e proprio corteo di protesta contro il governo e poi, subito dopo, in scontri anche pesanti con le forze dell’ordine che alla fine hanno fatto registrare diversi feriti da entrambe le parti. La polizia ha intimato ai manifestanti di lasciare la piazza e, al loro rifiuto, e’ intervenuta con idranti e lacrimogeni. Lo scontro con i manifestanti e’ durato alcune ore. A distanza di settimane dunque il movimento contro Erdogan riesce ancora a mobilitare i cittadini in tutta la Turchia, con il governo che sta utilizzando il pugno duro incarcerando tutte le persone sospettate di aver preso parte agli scontri. Ora la polizia turca sembra aver preso di mira un gruppo di hacker che si definiscono “marxisti-leninisti”, i Redhack, identificati dalla polizia come “organizzazione terroristica cibernetica” che li accusa di aver incoraggiato la gente a commettere crimini durante le proteste di Gezi. E intanto in silenzio continua il vaglio degli oltre 170mila tweet in cui si insultano Erdogan ed il Governo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top