Tutti sul carro di RenziTribuno del Popolo
mercoledì , 24 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Tutti sul carro di Renzi

In modo tragicomico tutta la “sinistra” italiana inizia a plaudere al sindaco di Firenze Matteo Renzi. Da Vendola fino a Giuliano Pisapia l’intesa politica con Renzi si va consolidando.

Photo Credit

E’ ormai amore tra il sindaco di Firenze Matteo Renzi e grandi settori della sinistra. Ricordate i tempi del referendum sull’acqua pubblica? sembravano anni fa, invece era il 2011, e Pisapia sarebbe poi diventato il sindaco di Milano. Una vittoria straordinaria per la cosiddetta “sinistra” che tornava sotto i riflettori. A distanza di pochi anni però vediamo che proprio Giuliano Pisapia si è avvicinato in modo non sospetto a Matteo Renzi, il rottamatore, colui che vorrebbe ultimare la trasformazione in senso anglosassone della sinistra, ovvero il suo annullamento come proposta alternativa di società e la sua riconversione in blando laburismo di maniera. Come ha sottolineato il Corriere della Sera proprio Pisapia avrebbe favorito lo spostamento di Milano e della Lombardia tra le braccia di Renzi, fatto non secondario dato che alle primarie del centrosinistra il sindaco di Firenze era uscito sonoramente sconfitto in Lombardia da Bersani. Alle primarie Pisapia si era schierato con Vendola al primo turno, e con Bersani nel secondo, ma negli ultimi mesi Pisapia è entrato senza se e senza ma nell’orbita di Mattero Renzi. Insomma ormai Renzi è come se fosse il futuro segretario del Pd, e queste primarie con Cuperlo e Civati sembrano quasi uno specchio per le allodole, ancor più che tutti i cosiddetti “big shots” della sinistra radicale si stanno riallineando dietro la rassicurante ombra del rottamatore ex democristiano. Secondo il Corriere della Sera l’alleanza di Pisapia con Renzi potrebbe addirittura portare a una collaborazione politica più significativa. Renzi potrebbe “usare” Pisapia per rappresentare il Nord e dialogare con Sel, in modo così da non avere contro ciò che resta di radicale nello schieramento del centrosinistra, ovvero ben poco per la verità. E a Milano intanto, a maggior parte dei componenti della giunta attuale sosterrà la corsa di Matteo Renzi alla guida del Pd, altro segnale che l’elettorato del centrosinistra avrebbe scelto ormai il suo uomo forte per l’ultima sfida a Berlusconi. Insomma si ribolle di entusiasmo dietro a Matteo Renzi, l’uomo incaricato di battere la destra, ma per far vincere che cosa?  La sinistra, ahinoi, ormai è già fuori da questo gioco.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top