Ucraina. A Kiev si parla di mettere al bando il Pravy SektorTribuno del Popolo
venerdì , 24 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. A Kiev si parla di mettere al bando il Pravy Sektor

Dopo le recenti violenze e il tentativo di ieri notte da parte dei militanti di estrema destra del Pravy Sektor di assaltare il Parlamento a Kiev in risposta all’uccisione della polizia di uno dei loro leader, ora il nuovo governo medita di dichiarare illegale il movimento di estrema destra. 

Altro che giovani in cerca di Europa. Le bugie e le inesattezze raccontate su piazza Maidan hanno le gambe corte e si stanno ritorcendo contro lo stesso governo di Kiev che le ha evocate. Il motivo? Semplice, i movimenti neofascisti e di estrema destra l’hanno fatta da padrone e ora non vogliono saperne di farsi da parte e riconoscere un’autorità. Non solo il Pravy Sektor ha formato vere e proprie squadracce che spadroneggiano nell’Ucraina dell’ovest, e con l’esercito russo alle porte è chiaro che Kiev vorrebbe evitare provocazioni gratuite e inutili che potrebbero far ulteriormente innervosire Mosca. Ieri sera inoltre i militanti del Pravy Sektor hanno letteralmente assediato il Parlamento di Kiev in risposta all’uccisione del loro leader Muzychko avvenuta durante un blitz della polizia volto ad arrestarlo nei giorni scorsi. I membri della sicurezza ucraina hanno quindi cominciato seriamente a discutere di mettere fuori legge il movimento durante un meeting d’emergenza, come peraltro riferito da RT.com. Secondo la fonte, al meeting avrebbe preso parte il ministro degli Interni Arsen Avakov, accompagnato dal capo della Sicurezza nazionale Andrey Parubiy. e dal leader dell’altro partito neofascista, Oleg Tyagnibok di Svoboda. Nel corso del meeting Avakov avrebbe suggerito di bandire completamente l’organizzazione a causa della radicalizzazione in corso tra i militanti di Pravy Sektor. Intanto però Dmitry Yarosh, uno dei leader di Pravy Sektor (Right Sektor) ha chiesto ufficialmente le dimissioni del ministro degli Interni Arsen Avakov, e l’arresto degli ufficiali di polizia coinvolti nella morte di Muzychko. Right Sektor è un vero e proprio conglomerato di movimenti di estrema destra e neofascisti che si sono uniti in un gruppo paramilitare unico che potrebbe avere circa 10.000 membri. Il gruppo è nato nel novembre 2013, saldandosi intorno alle proteste di piazza Maidan, che ben presto ha egemonizzato. Sono loro infatti ad aver sparato contro i Berkut utilizzando bandiere e simboli del nazismo, e sono sempre loro quelli che l’Occidente ha fatto finta di non vedere. Mosca ha intanto messo Yarosh nella lista dei ricercati internazionali e lo ha accusato di terrorismo per aver lanciato un appello al leader dei terroristi ceceni Doku Umarov per lanciare attacchi terroristici contro la Russia. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top