Ucraina. Ancora spari nell'Est, Mosca accusa gli UsaTribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Ancora spari nell’Est, Mosca accusa gli Usa

Non regge la tregua in Ucraina, ma ad infrangerla sono ancora una volta i militanti dell’Est che hanno ucciso due uomini di guardia alle barricate dei filorussi a Sloviansk. Lavrov ha accusato direttamente gli Usa di utilizzare l’Ucraina come una “pedina nel gioco geopolitico”.

Foto: (Reuters / Gleb Garanich)

Spari nella notte contro i militanti filorussi a Sloviansk, la stessa cittadina dove non più tardi di una settimana fa erano morte altre tre persone. Questa volta le persone rimaste uccise sono due, emblema di una tregua che evidentemente qualcuno  non ha interesse che duri. A riportare la notizia ci ha pensato RT.com, che ha citato la portavoce dei filorussi Stella Gorosheva. Si tratta quindi di un episodio gravissimo che però l’Occidente non commenta in alcun modo, ancora una volta facendo quasi finta che non sia successo nulla. Tutto questo avviene mentre le truppe di Kiev, ringalluzzite dalla presenza di esponenti del governo americano in Ucraina, hanno ripreso il controllo del municipio di Mariupol, importante città portuale sul Mar Nero non lontano da Donetsk. La notizia è stata data dallo stesso ministro dell’Interno ucraino Arsen Avakov e gli Stati Uniti continuano, al posto che prendere le distanze dalle violenze, a schierarsi a muso duro e a senso unico contro Mosca. Il ministro degli Esteri russo Lavrov però ha fatto sapere la posizione di Mosca sulla situazione attuale in Ucraina e ha accusato direttamente gli Usa di ingerire negli affari interni di Kiev: “Gli Usa e l’Ue hanno tentato di fare l’ennesima rivoluzione colorata in Ucraina. E non si sono dubbi che qui non si parla solo del destino ucraino, cercano di sfruttare l’Ucraina come una pedina nel gioco geopolitico“. Difficile dargli torto dal momento che dall’inizio della crisi in Ucraina Washington non ha mai preso le distanze dai militanti di estrema destra e dalle loro violenze e intimidazioni.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top