Ucraina. Arrivano 25 milioni Usa per fomentare la guerraTribuno del Popolo
sabato , 27 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Arrivano 25 milioni Usa per fomentare la guerra

In arrivo ben 25 milioni di dollari dalla Casa Bianca diritte nelle mani di Kiev per finanziare l’esercito ucraino. Questo significa che Washington e il governo ucraino a guida Poroshenko non hanno alcuna intenzione di arrivare a una soluzione negoziata e politica del conflitto che da oltre un anno in Ucraina ha provocato già 6.100 civili morti e un numero imprecisato di dispersi e feriti. 

Non bastano le immagini di una regione devastata, di scuole distrutte e ospedali in rovina, non bastano a fermare la guerra insensata che in un anno di conflitto ha provocato 6100 morti accertati e un numero imprecisato di dispersi e feriti a fermare il folle ingranaggio della violenza. Non bastano perchè la Casa Bianca ha deciso di inviare altri 25 milioni di dollari al governo di Kiev, e non per realizzare aiuti e assistenza ai bisognosi bensì per rafforzare l’esercito. Chiaramente chi ha intenzioni pacifiche tendenzialmente ha altre priorità, e in un paese sconvolto dalla guerra civile e dalla crisi economica quei soldi sarebbero serviti eccome. E invece no, Kiev a parole sostiene di voler rispettare i trattati di Minsk con i separatisti del Donbass, ma nella pratica non ha mai smesso di considerare unicamente la soluzione militare al conflitto. Nessuno si cura della situazione di migliaia di bambini e anziani nel Donbass costretti da mesi a vivere in rifugi di fortuna, senza riscaldamento nè assistenza sociale di alcun tipo. Tutto questo avviene con il placet dell’Ue che ha deciso di schierarsi con Kiev a qualsiasi costo contro Mosca, anche a costo di non vedere le svastiche e le croci celtiche del Maidan. Non solo, Poroschenko ha anche di nuovo nominato la possibilità dell’adesione di Kiev alla Nato, quella che sarebbe una palese provocazione, l’ennesima, nei confronti della Russia: “Il raggiungimento di certi requisiti da parte dell’Ucraina dovrebbe dare al paese la possibilità di diventare membro dell’Alleanza Atlantica in futuro, così da da avere autentiche garanzie di sovranità, integrità e indipendenza” (Fonte: Antidiplomatico), ma non ci va un genio a comprendere che il presidente ucraino non parlerebbe mai così se non fosse certo di avere alle spalle l’appoggio incondizionato della Casa Bianca. E con i nuovi 25 milioni di dollari sicuramente non si porranno le basi per un periodo di pace, anzi. Si tratta delle conseguenze del “Freedom Support Act” siglato lo scorso dicembre dal Congresso americano e che prevede assistenza militare ed energetica a Kiev. Anche se è difficile da crederci a Lviv lo scorso mese sono arrivati addestratori americani per inquadrare nientemeno che la Guardia Nazionale, quella dove si trova il maggior numero di neonazisti ucraini. E mentre l’esercito ucraino ancora si lecca le ferite e sono sempre di più i soldati ucraini con problemi psichici e che hanno bisogno di cure, Kiev e Washington sembrano premere sempre più sull’acceleratore verso un conflitto con le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top