Ucraina. Assaltata a Kiev l'ambasciata russa. Mosca chiede spiegazioniTribuno del Popolo
martedì , 28 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Assaltata a Kiev l’ambasciata russa. Mosca chiede spiegazioni

Nella giornata di ieri alcuni manifestanti hanno attaccato l’ambasciata russa di Kiev con sassi e molotov, appiccando il fuoco alle auto di alcuni diplomatici. Dura la reazione del Cremlino.

Dopo che i separatisti filorussi hanno abbattuto un aereo di trasporto dell’esercito ucraino uccidendo una cinquantina di soldati ucraini, i nazionalisti di Kiev hanno attaccato l’ambasciata russa di Kiev assaltandola con sassi e molotov e arrivando persino ad appiccare il fuoco alle auto di alcuni diplomatici. Secondo molte fonti locali hanno accusato direttamente i nazionalisti ucraini di aver voluto dare una risposta all’abbattimento dell’aereo ucraino di poche ore prima. Solo l’immediato intervento dei vigili del fuoco ha evitato che l’ambasciata andasse in fiamme. I manifestanti hanno anche strappato la bandiera russa dall’ingresso dell’edificio. Dopo ore di tensione i manifestanti hanno ottenuto un incontro contro il vicesegretario dell’ambasciata per chiedere al rappresentante di Mosca di abbandonare la sede diplomatica. Durissima la riposta di Mosca con il ministro degli Esteri russo che ha parlato di azioni provocatorie e ha chiesto al governo di Kiev di garantire l’incolumità dei propri diplomatici. La sensazione comunque è che mesi e mesi di bombardamento mediatico antirusso abbiano convinto le bande nazionaliste di poter osare sempre di più. I manifestanti più radicali infatti chiedono di interrompere ogni relazione con la Russia, ma così facendo si stanno alienando parte dell’appoggio dei più moderati, ormai convinti che ci siano altri modi per mettere pressione a Mosca. L’assalto all’ambasciata però si configura come un vero e proprio salto di qualità nell’odio antirusso, e la sensazione è che sarà un gesto gravido di conseguenze ancor più che la situazione non è ancora normalizzata nel Donbass, dove si continua a combattere.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top