Ucraina. Bomba davanti al Parlamento alza tensione alle stelleTribuno del Popolo
venerdì , 26 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Bomba davanti al Parlamento alza tensione alle stelle

Giornata pesante in Ucraina dove l’estrema destra nazionalista ha scatenato gravissimi scontri davanti al Parlamento con tanto di bomba che ha provocato il ferimento di decine di persone, alcune gravi (alcune agenzie parlano di morti tra gli agenti). All’interno della “Rada” i deputati avevano appena approvato una riforma costituzionale che darà più autonomia ai territori del Donbass. E ora Kiev si ritrova “ostaggio” dell’estrema destra.

Il bilancio di una giornata di scontri pesantissimi tra polizia e nazionalisti di estrema destra è di diversi feriti tra cui alcuni gravi a seguito dell’esplosione di una granata proprio di fronte al Parlamento ucraino. Qui poco prima i deputati avevano appena approvato la bozza di riforma costituzionale per concedere maggiore autonomia alle regioni del Donbass, un punto importante verso una possibile pacificazione che evidentemente non va a genio a quelle forze di estrema destra protagoniste del Maidan e che qualcuno in Europa e Stati Uniti ha fatto passare per “democratiche”. Eppure non ci voleva molto a verificare che per il partito Svoboda, al quale appartengono molti dei manifestanti armati con mazze che hanno scatenato gli scontri, Stepan Bandera (collaborazionista con le Ss) rappresenta l’eroe nazionale. Secondo diverse fonti confermate anche dall’agenzia Agi sarebbe stato fatto esplodere un ordigno, forse una granata, contro gli agenti schierati, provocando almeno 90 feriti tra i militari della Guardia Nazionale (quattro sarebbero in gravi condizioni). Guardacaso proprio negli ultimi tempi la situazione nel Donbass era andata deteriorandosi al punto che erano stati registrati anche alcuni combattimenti tra esercito e separatisti. Evidentemente l’estrema destra ucraina, la stessa protagonista della cacciata del “tiranno” Yanukovich non vuole che si trovi una soluzione negoziata alla crisi e vorrebbe invece fomentare ancora la guerra civile che ha già provocato migliaia di vittime e distrutto interi centri urbani. Il rischio è che Kiev si faccia ricattare ancora una volta dalla piazza, ancor più che la Nato e l’Occidente sembrano condividere la russofobia dei nazionalisti ucraini.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top