Ucraina. Capo regionale della polizia accusato di legami con neonazistiTribuno del Popolo
venerdì , 24 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Capo regionale della polizia accusato di legami con neonazisti

Sempre più fonti confermano i legami oscuri tra il nuovo potere che ha trovato spazio a Kiev dopo il #Majdan e gruppi ultranazionalisti apertamente neonazisti in Ucraina. Il Jerusalem Post riporta la notizia che uno dei capi regionali della polizia ucraina sarebbe stato accusato di avere legami torbidi con una organizzazione neonazista. 

A partire da lunedì un capo regionale della polizia ucraina è finito nell’occhio del ciclone per via dei suoi legami con una organizzazione neonazista. E’ solo l’ultima di una lunga serie di notizie che vedono in Ucraina sempre più coinvolti gruppi apertamente nazisti e nazionalisti. L’Occidente del resto ha fatto finta di non vedere indicando la Russia di Putin come il “male assoluto” e dimenticando le svastiche viste all’opera in piazza Majdan ai tempi della cacciata di Yanukovich. A riportare la notizia è il Jerusalem Post che ha anche fatto il suo nome, Vadim Troyan, il quale è stato nominato capo della polizia regionale di Oblast il 31 ottobre da parte del ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov. Prima di ricevere questo incarico Troyan era un comandante del battaglione di volontari Azov, tristemente noto per aver commesso crimini di guerra contro la popolazione russofona nel Donbass, al punto che anche le organizzazioni internazionali hanno denunciato l’operato di questo battaglione apertamente neonazista. Troyan del resto è solo uno dei tanti che hanno fatto fortuna nel Paese dopo la rivolta del “Majdan” e che fanno parte della galassia nera del banderismo (Bandera era uno dei leader delle Ss ucraine), al punto che molti di loro avrebbero oggi ruoli di responsabilità e l’impunità per i crimini commessi. Il KHPG  (Kharkiv Human Rights Protection Group) ha descritto Troyan  come un membro dell’organizzazione Patriota dell’Ucraina, un gruppo neonazista collegato con Assemblea Nazional-Socialista dell’Ucraina che utilizza direttamente simboli dei nazisti. Anche il sito web dell’organizzazione, come riportato da JP, riporta l’indicazione di Troyan come membro attivo. Patriota dell’Ucraina è una organizzazione tristemente nota per cavalcare idee neonaziste e utilizzare anche la violenza. La comunità ebraica a questo riguardo ha fatto alcune domande cui però l’ambasciata ucraina a Tel Aviv e il Ministro degli Interni di Kiev non hanno ancora risposto. Il suo battaglione, il Battaglione Azov, è stato accusato di antisemitismo con alcuni membri del gruppo che sono stati mostrati dalla tv tedesca e italiana con simboli nazisti sugli elmetti. In tutto questo sarebbe interessante avere un commento da parte di Obama, di Renzi, di Hollande, della Merkel e di tutti quelli che hanno aderito entusiasti alle sanzioni alla Russia.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top