Ucraina. Ci sarebbero mercenari stranieri nelle truppe di KievTribuno del Popolo
mercoledì , 29 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Ci sarebbero mercenari stranieri nelle truppe di Kiev

Una “internazionale mercenaria” in campo in Ucraina al seguito di Kiev? Secondo @SputnikNews i combattenti della Repubblica Popolare di Donetsk e Lugansk avrebbero intercettato alcuni discorsi dei combattenti filo-Kiev presenti a Debaltseve e avrebbero constatato la presenza di persone provenienti un pò da tutta Europa. 

Fiamminghi, polacchi, inglesi, ma anche francesi, ci sarebbe un pò di tutto tra le truppe filo-Kiev presenti sul terreno nel Donbass. A sostenerlo il network @Sputniknews, sicuramente un media non indipendente e che potrebbe essere accusato di parzialità, ma invitiamo i lettori a ragionare sul fatto che le notizie provenienti da Kiev vengano prese dai media occidentali come vere senza nemmeno il minimo sforzo di verifica delle fonti. Secondo quanto riportato dunque i combattenti della Repubblica Popolare di Donetsk e Lugansk avrebbero intercettato alcune discussioni telefoniche dei combattenti filo-Kiev nella sacca di Debaltseve, deducendone che ci sarebbero tra le loro fila molti mercenari stranieri e contraddicendo la vulgata di Kiev che racconta come i giovani ucraini abbiano preso le armi contro i russi invasori. Edward Basurin, deputato della Difesa della DPR ha confermato la cosa ai giornalisti lunedì: “Abbiamo intercettato dei discorsi in quattro differenti lingue, alcuni sono inglesi, altri polacchi, francesi e persino fiamminghi“. Basurin aveva anche detto in precedenza che le forze ucraine cercherebbero di distruggere ogni prova della presenza di mercenari internazionali inquadrati tra le truppe regolari ucraine. Tuttavia i combattenti della DPR hanno già ottenuto in passato alcune conferme indirette del coinvolgimento di combattenti stranieri tra le fila di Kiev, fatto questo che metterebbe in ridicolo le accuse a senso unico formulate dall’Occidente nei confronti di Mosca di finanziare e foraggiare i separatisti filorussi. Il 23 gennaio, anche se i media occidentali ovviamente hanno preferito oscurare la notizia, alcuni comandanti separatisti avevano dichiarato di aver trovato materiale di comunicazione e schede telefoniche che non vengono utilizzate in Ucraina. Attualmente i combattimenti maggiori avvengono nella sacca di Debaltseve dove le forze dei separatisti sono riusciti a circondare l’esercito ucraino nei giorni scorsi. Secondo diverse stime il numero di morti nel Sudest dell’Ucraina avrebbe raggiunto e forse superato le 50.000 unità, con cifre quindi ben dieci volte superiori a quelle offerte da Kiev (Fonte: Intelligence tedesca). Insomma se la notizia di mercenari stranieri dovesse venire provata ecco che il castello di accuse elaborato contro la Russia diventerebbe di colpo ridicolo mentre, al contrario, verrebbe corroborata la teoria di chi accusa gli Stati Uniti di aver appoggiato, congegnato e finanziato il golpe del Maidan che ha dato origine a tutto questo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top