Ucraina. Colpito un ospedale a Donetsk, pace sempre più lontanaTribuno del Popolo
martedì , 28 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Colpito un ospedale a Donetsk, pace sempre più lontana

Sempre più preoccupante la situazione in Ucraina dove l’esercito di Kiev, in netta difficoltà sul fronte, ha bombardato Donetsk colpendo un ospedale e uccidendo almeno quattro persone. Nonostante oltre 5000 morti gli Stati Uniti però intendono continuare a finanziare Kiev e potrebbero ben presto inviare anche armi vere e proprie.

Quanto sta accadendo in Ucraina si configura come la crisi peggiore degli ultimi vent’anni e forse più. Un pò perchè proprio in Ucraina i rapporti tra Stati Uniti e Russia si sono pregiudicati per sempre, un pò perchè si continua a morire giorno dopo giorno nell’indifferenza dell’Occidente che continua a negare dignità ai combattenti della Novorossja e ai civili che quotidianamente rimangono uccisi sotto i colpi dell’esercito di Kiev. Nelle scorse ore le truppe regolari ucraine hanno bombardato Donetsk come ogni giorno e hanno colpito un ospedale uccidendo almeno 4 persone e ferendone altre 27. Interfax ha anche parlato di altri morti e feriti a causa di un colpo di artiglieria che ha colpito un edificio residenziale in un quartiere di Donetsk, ma nonostante questi crimini nessuno in Occidente spende anche solo una parola per prendere le distanze da Poroschenko. Intanto sul fronte l’esercito ucraino è in rotta nella regione intorno a Debaltseve dove un accerchiamento delle truppe della Repubblica Popolare di Donetsk ha imprigionato migliaia di soldati. Un cacciabombardiere ucraino sarebbe stato abbattuto come dichiarato anche da a Igor Plotnitsky, leader dell’auto-proclamata Repubblica Popolare di Lugansk. Nonostante questa situazione drammatica però sembra che nessuno sia disposto a mollare la presa su Kiev, non certo Washington che anzi continua a fomentare in tutti i modi sentimenti antirussi arrivando anche a promettere armamenti all’esercito in difficoltà. In risposta a questo atteggiamento bellicista i separatisti hanno annunciato una mobilitazione per il 9 febbraio che dovrebbe portare almeno 100.000 persone sotto le armi entro poco tempo. Del resto proprio il presidente Poroschenko ha affermato recentemente di non avere il minimo dubbio che gli Stati Uniti invieranno armi a Kiev, l’ennesima prova dell’atteggiamento dei nazionalisti ucraini  nei confronti dell’Ucraina orientale e della Russia.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top