Ucraina come il Sudafrica dell'Apartheid: settori separati per tigosi di coloreTribuno del Popolo
lunedì , 24 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina come il Sudafrica dell’Apartheid: settori separati per tifosi di colore

In Ucraina il nazionalismo e la xenofobia sembrano essere sempre più di casa. Spilchenko, il responsabile dello stadio di Kiev, a seguito dell’aggressione di quattro tifosi di colore del Chelsea da parte di ultras della Dinamo Kiev ha lanciato la proposta shock di creare settori separati per persone di colore. No, non siamo nel Sudafrica dell’apartheid ma nell’Ucraina della “democrazia” europea. 

Notizie del genere si pensava di non doverle sentire più, eppure in pieno 2015 c’è ancora qualcuno che propone settori separati per tifosi di colore in modo che non vengano a contatto con i supporter bianchi. Non casualmente tale notizia arriva nell’Ucraina “democratizzata” del post-Maidan, dove nazionalismo spinto e xenofobia sono di casa anche se in molti in Ue preferiscono non vederlo. A fare questa aberrante proposta è stato Volodimir Spilchenko, responsabile dello stadio Olimpiyskiy di Kiev, che ha fatto questa pensata in risposta dell’aggressione da parte degli ultras della Dinamo Kiev di quattro tifosi del Chelsea di colore. “Stiamo cercando di creare un settore separato. Probabilmente ascolteremo la sua idea“, ha detto a un giornalista locale (Fonte Corriere della Sera), che poi è stato accusato di aver estrapolato la frase dal contesto.

E dire che non è certo questo il primo episodio di estremismo in Ucraina da quando è avvenuta la “liberazione” del Maidan tanto cara ad atlantisti di vario genere. Ancora più grottesca e incredibile la spiegazione addotta da Ohor Kochetov, vicepresidente della federcalcio di Kiev, che ha definito la presenza di tifosi di colore in quel settore dello stadio come “una grossa sorpresa per tutti. Persone di quel tipo non sono mai state lì. Secondo le prime informazioni, non avevano il biglietto e avevano fumogeni. Forse è stata una provocazione pianificata, sono tutte domande che esigono risposte“. Come a dire che gli ultras ucraini hanno tutto il diritto a essere razzisti e sarebbe una provocazione sottolineare le loro aggressioni e la loro xenofobia. Ma del resto se nessuno in Europa sembra aver da ridire..

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top