Ucraina. Continuano le proteste pro UeTribuno del Popolo
domenica , 22 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Continuano le proteste pro Ue

Migliaia di manifestanti ucraini pro-Ue sono scesi in piazza a Kiev, in Ucraina, nonostante un divieto ai cortei. La polizia ha optato per una posizione defilata dopo essere stata accusata di un uso brutale della forza. Ma sono anche molti coloro che vogliono dare le spalle all’Ue.

L’Ucraina è un Paese sempre più diviso dopo giorni di proteste pro-Ue che sono andate in scena nel centro di Kiev. Migliaia di manifestanti pro-Ue hanno contestato la decisione di Kiev di interrompere l’avvicinamento all’Ue e di guardare a Est, verso Mosca. Anche per questo i manifestanti pro-Ue hanno deciso di sfidare le autorità e sono scesi nuovamente in piazza ignorando il divieto delle istituzioni ucraine a realizzare altri cortei. I manifestanti chiedono al governo ucraino e al presidente di dimettersi dopo aver rifiutato l’associazione all’Ue. Tra i manifestanti anche alcuni estremisti che hanno provato ad attaccare il palazzo del sindaco lanciando dei sassi e rompendo alcune finestre. Un gruppo di giovani mascherati e vestiti di nero sarebbe poi stato circondato da attivisti dell’opposizione che avrebbero strappato loro le maschere facendo foto per identificarli. Il gruppo era capeggiato dalla giornalista  Tatyana Chornovil. Alla fine la polizia ha optato per abbandonare le strade coinvolte dalla manifestazione per evitare altri scontri e altre tensioni. Sono tre i partiti di opposizione uniti per portare avanti un’assemblea popolare nella capitale domenica, ignorando il divieto del governo. Il nuovo corteo dell’opposizione ha coinvolto 1500 persone in  Piazza Mikhailovskaya, luogo non interessato dai divieti. Sono molti però anche gli ucraini che non guardano di buon occhio la protesta pro-Ue, e i residenti della zona interessata dalle proteste si sono lamentati scatenando la reazione della polizia che sabato mattina ha disperso i manifestanti da Piazza Indipendenza. In quell’occasione alcuni manifestanti avevano cercato di resistere con la violenza e 35 di loro sono stati arrestati per poi essere rilasciati poco dopo. Oltre sette persone sono state ricoverate mentre più di trenta in totale hanno subito ferite di vario tipo. La reazione della polizia a Kiev ha scatenato alcune proteste in Usa e Ue, e anche il presidente ucraino Viktor Yanukovich ha condannato l’uso delle forze contro i dimostranti. Intanto il presidente ucraino ha promesso di fare qualsiasi cosa in suo potere per dare corpo all’integrazione con l’Ue, anche se in pochi ci credono.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top