Ucraina e fascismo. La discussione al Parlamento EuropeoTribuno del Popolo
lunedì , 29 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina e fascismo. La discussione al Parlamento Europeo

Questa settimana sarà commemorato, al Parlamento Europeo, il 70° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz. Quasi contemporaneamente ci sarà la discussione sulla situazione in Ucraina. Da un lato si dirà che non accetteremo più il terrore fascista. Dall’altro, si appoggerà il terrore fascista, travestito da “transizione democratica”. L’esperienza ci insegna che la versione falsificata della storia, così spesso propagandata, quasi si trasforma in verità.

Il 15 gennaio il Parlamento Europeo ha approvato una mozione in 28 punti (www.pressenza.com), che suona come una dichiarazione di guerra alla Russia e di sostegno esplicito sia al governo nazional-fascista che si è insediato in Ucraina in seguito a un vero e proprio colpo di Stato che, persino (con la richiesta di supporto militare all’esercito ucraino), al genocidio che le autorità di Kiev stanno compiendo nelle regioni del Donbass (punto 11 e 13 della mozione).

Un documento che sembra ricalcare quello qualche tempo fa approvato dal Congresso degli Stati Uniti. Mentre era scontato il voto delle forze conservatrici e socialdemocratiche, una certa sorpresa ha destato invece la spaccatura che è avvenuta tra i parlamentari del GUE/NGL (il gruppo unitario che raccoglie la maggior parte dei partiti comunisti e della sinistra continentale), diversi dei quali hanno preferito astenersi (come, tra gli altri, l’italiano Curzio Maltese e tutti gli appartenenti al partito greco di Syriza) o esprimere parere favorevole, come nel caso di molti eletti della Die Linke tedesca e di Barbara Spinelli, la più nota tra gli esponenti della “lista Tsipras” italiana (www.votewatch.eu).

Tra coloro che hanno votato contro questa mozione che contribuisce ad aumentare la tensione e i contrasti con la Federazione Russa e a confermare la pericolosa china del sostegno al fascismo e alle forme più brutali della repressione del dissenso democratico, su cui ormai da tempo si è avviata l’Unione Europea, c’è la maggior parte dei deputati comunisti aderenti al GUE/NGL, mentre i due parlamentari greci del KKE, che non fanno parte del GUE/NGL, non hanno partecipato alla votazione.

A respingere i contenuti vergognosi della mozione è stata anche Ines Zuber, parlamentare comunista portoghese, che, alla vigilia del dibattito, aveva scritto questa nota, da noi pienamente condivisa.

Mauro Gemma per Marx21.it

Ciò che è accaduto nel febbraio del 2014 in Ucraina non è stata una vittoria delle forze popolari che, giustamente, rivendicavano migliori condizioni di vita, abituate come sono ad essere governate da oligarchie ora del Partito delle Regioni ora delle “rivoluzioni arancioni”. Ciò che è accaduto è stata la costruzione e la promozione, da parte di USA e UE – e manipolando il giusto malcontento della popolazione ucraina – di un colpo di Stato promosso dalle “marionette” più utili in quel momento. – i settori dell’estrema destra di matrice fascista e neo-nazista (Svoboda e Settore di Destra). Questa non è una supposizione. Gli USA hanno ammesso il finanziamento del “movimento” con cinque milioni di dollari, sono state pure rese note le conversazioni telefoniche dell’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev a proposito dei “cavalli” su cui scommettere e l’indifferenza di Catherine Ashton, vice-presidente della Commissione Europea, quando fu allertata dall’allora ministro estone degli Affari Esteri sul fatto che era forte l’evidenza che gli spari di franchi tiratori sul Majdan non provenivano da forze governative ma da forze del “movimento” appoggiato e promosso da USA e UE.

E’ importante anche non dimenticare che USA e UE hanno cominciato a demonizzare il presidente ucraino deposto Yanukovich solamente quando egli si è rifiutato di firmare l’Accordo di associazione tra l’Ucraina e l’UE e “ha osato” chiedere aiuto finanziario alla Russia. E’ stato innanzitutto l’interesse di costoro a firmare accordi – come, del resto, hanno fatto dopo il colpo di Stato – a legare l’Ucraina ai meccanismi di dipendenza economica e politica nei confronti delle troike interne alla UE, che impongono tagli salariali, tagli dei diritti sociali, alienazione delle risorse naturali e dell’apparato produttivo nazionale, privatizzazione di importanti settori pubblici, e creazione di una zona di libero commercio in cui l’Ucraina viene a trovarsi in condizioni estremamente svantaggiose. Giorni fa Juncker ha annunciato un “aiuto” aggiuntivo di 1,8 milioni di euro a Kiev, che avrà come contropartita l’espropriazione delle sue ricchezze.

Ciò che oggi è stato avviato è il processo di fascistizzazione dello Stato dell’Ucraina. I partiti fascisti, ultra-nazionalisti e di estrema destra controllano milizie private che seminano il terrore, la repressione e la violenza – anche attraverso assassini – tra tutti coloro che sfidano le autorità di Kiev, e controllano posizioni-chiave nei servizi di polizia e nei servizi segreti. Il Partito Comunista di Ucraina si trova sotto la minaccia di messa fuori legge, in un processo giudiziario che è iniziato in piena campagna per le elezioni dell’ottobre scorso, che l’OSCE considera essersi svolte in modo positivo. Da poche settimane è stato approvato un progetto di legge nel Parlamento ucraino che pretende di criminalizzare e mettere fuori legge l’ideologia e i simboli comunisti. La popolazione del Donbass e i patrioti ucraini che resistono alla fascistizzazione dell’Ucraina – volgarmente descritti nei media dominanti come “terroristi filo-russi”, definizione che è condivisa da USA e UE – sono diventati il bersaglio di una guerra genocida.

Ciò che è in causa con la situazione ucraina è il consolidamento del progetto di accerchiamento della Russia che la NATO sta mettendo in pratica e soprattutto, negli ultimi tempi, con la crescente dislocazione di mezzi ed effettivi militari della NATO nell’Europa dell’Est. Il dominio politico, economico e militare dell’Ucraina mira all’utilizzo di questo paese nella strategia della tensione e del confronto aperto con la Russia, il che comporta enormi potenziali pericoli per la sicurezza a livello mondiale.

In conclusione, è evidente che solo una soluzione politica potrà mettere fine alla crisi ucraina. Ma per garantire la pace, la sovranità, la democrazia e il progresso sociale in Ucraina è necessario che il dialogo si realizzi direttamente tra le due parti in conflitto, riconoscendo lo statuto di parte belligerante e il diritto di resistenza alle forze del Donbass che lottano contro la fascistizzazione del paese dopo un colpo di Stato. E’ necessario che questo processo di dialogo sia centrato sulle rivendicazioni economiche e sociali delle popolazioni. Senza tali condizioni, non ci sarà pace ma solo imposizione.

Inês Zuber, parlamentare europea del Partito Comunista Portoghese
da www.avante.pt | Traduzione di Marx21.it

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top