Ucraina. Gli Usa versano il compenso a PoroshenkoTribuno del Popolo
domenica , 22 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Ucraina. Gli Usa versano il compenso a Poroshenko

Ucraina. Gli Usa versano il compenso a Poroshenko

Petro Poroshenko è il nuovo, contestato, presidente dell’Ucraina, avendo vinto contestatissime elezioni presidenziali svoltesi in un clima di violenza e guerra civile. Joe Biden, vicepresidente Usa, si è recato in visita a Kiev, e ha subito staccato un assegno per l’Ucraina, evidentemente per complimentarsi per il lavoro sin qui svolto? 

Siamo alle solite: a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca. Ricorderete che secondo alcuni cablo di Wikileaks sarebbe emerso che Poroschenko, il nuovo presidente dell’Ucraina appoggiato da Usa e Ue, era in realtà in passato un uomo vicino all’ambasciata americana, un informatore. Ben si comprende quindi come mai la sua vittoria sia stata accolta con molta gioia alla Casa Bianca, e infatti pochi giorni dopo la sua elezione sono cominciati gli attacchi violenti dell’esercito e della Guardia Nazionale contro l’Est del paese, in rivolta dopo il Golpe di febbraio del Majdan. Joe Biden, vicepresidente Usa, si è recato manco a dirlo proprio a Kiev, dove ha staccato un assegno milionario a favore proprio dell’Ucraina. Si tratta di una cifra pari a 35 milioni di euro, una sorta di “obolo” evidentemente per ringraziare Kiev e per sottolineare l’appoggio di cui gode il governo di Poroschenko. Si tratta di briciole vere e proprie dal momento che il fabbisogno attuale dell’Ucraina sarebbe di circa venti miliardi di euro, ma evidentemente briciole che servono a mostrare la volontà degli americani di appoggiare fino in fondo Kiev. Ora lo stesso Poroschenko promette la fine dei combattimenti entro il prossimo weekend, ma ormai è la sua credibilità a essere al lumicino dal momento che le violenze delle ultime settimane hanno reso impossibile per l’Ucraina dimenticare e tornare a convivere. Troppi sono gli innocenti che stanno morendo nel Donbass, e ormai sembra molto difficile pensare che si possa far finta di nulla ancor più che gli uomini di Kiev continuano a uccidere: ieri a Donetsk un deputato dell’autoproclamata Repubblica popolare, Maxim Petrukhin, è stato ucciso in un agguato in piena regola nel centro della città. Ancora una volta però Kiev e Washington fanno finta di niente, accusando di “terrorismo” i filorussi. 

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top