Ucraina. I militari non vogliono la guerra civileTribuno del Popolo
sabato , 21 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Ucraina. I militari non vogliono la guerra civile

Ucraina. I militari non vogliono la guerra civile

I soldati ucraini mandati da Kiev nell’Est dell’Ucraina hanno mostrato di non voler in alcun modo la guerra civile e in molti casi hanno finito per solidarizzare con i “filorussi”, contraddicendo quindi le strumentalizzazioni che vedevano nei manifestanti dei sobillatori inviati da Mosca. 

photo Credit (AFP Photo)

Centinaia di soldati inviati da Kiev per reprimere le sommosse filorusse nell’Est del Paese non solo non hanno preso le armi contro le barricate dei manifestanti ma hanno finito per solidarizzare con quelli che la Giunta ha definito come “terroristi”. Secondo diversi siti molti di loro starebbero addirittura lasciando le armi alla popolazione (RT.com), mentre le foto dei blindati con le bandiere russe hanno già fatto il giro del mondo, testimoniando che il controllo di Kiev sull’esercito è tutt’altro che scontato così come che la Giunta di Kiev non rappresenta in alcun modo il pensiero di tutti gli ucraini, come i media invece hanno cercato di far credere. Secondo Interfax sarebbero almeno 300 i soldati ucraini che avrebbero accettato di lasciare le armi ai manifestanti e andare a casa solo a Sloviansk. Non solo, i soldati avrebbero anche lasciato ai manifestanti i mezzi blindati. Di fronte a queste notizie ben si comprende l’imbarazzo della Nato, dell’Ue e di Kiev dal momento che ci hanno raccontato per settimane uno scenario del tutto differente. Nel video qui sotto si vedono i manifestanti solidarizzare con i soldati a Kramatorsk, lo stesso luogo dove nella giornata di ieri si erano verificati scontri con l’esercito di Kiev. Insomma, fortunatamente a dispetto dei proclami almeno per il momento sembra prevalere la voglia di pace.

 VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top