Ucraina.Il piano inclinato verso la guerraTribuno del Popolo
giovedì , 19 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina.Il piano inclinato verso la guerra

Mentre tra mille difficoltà si cerca di iniziare un processo che ponga fine alla guerra e alla sofferenza in Ucraina dell’Est, a Kiev sembra esserci anche qualcuno disposto a portare la guerra a uno “stadio successivo” magari preparando una “guerra su ampia scala”. Lo ha detto il vice ministro di Kiev Cadym Prystaiko ai microfoni della CBC.

Tutti hanno paura di combattere contro uno stato nucleare. Noi non più”, parole pesanti quelle pronunciate dal vice ministro di Kiev Prystaiko nel corso di una intervista concessa alla CBC. I riflettori del mondo sono tutti puntati sull’Ucraina dal momento che una escalation militare nel Paese potrebbe portare a scenari di guerra inquietanti anche con Mosca, uno scenario drammatico e da sventare a tutti i costi ma non per tutti. “Non vogliamo spaventare nessuno, ma ci stiamo preparando ad una guerra su ampia scala“, ha aggiunto. Difficile però non spaventarsi dal momento che una guerra aperta con la Russia da parte di un’Ucraina appoggiata direttamente dalla Nato e dall’Occidente significherebbe portare la guerra nel cuore dell’Europa, migliaia e migliaia di morti e soprattutto per cosa?  “Quello che ci aspettiamo dal mondo è che il mondo tiri la spina dorsale un po’ su”, ha chiesto Prystaiko, un viceministro che arriva ad auspicarsi una guerra su larga scala in Europa per giunta contro una potenza nucleare. Insomma il viceministro ucraino sarebbe per una soluzione militare al problema dell’Ucraina, il problema è che una soluzione militare non dovrebbe nemmeno venire presa in considerazione ancor più che proprio Putin aveva lanciato un monito chiaro: “se Kiev cerca una soluzione militare, la guerra non finirà mai”. Inutile dire che se a Kiev si continuerà con queste dichiarazioni sarà difficile cominciare a pensare alla pace in un Paese, l’Ucraina, ferito a morte da una guerra civile che ha ormai diviso per sempre il Paese. Difficile tornare indietro infatti per Kiev dopo aver bombardato il Donbass e sospeso persino i servizi base come la pensione, la sanità e l’istruzione nelle zone controllate dai separatisti filorussi. La speranza era che si facessero largo a Kiev le parti più moderate e pronte a trovare un accordo, invece, al contrario, dopo la disfatta militare patita nell’Est sembra che a Kiev vogliano rilanciare continuando a giocare alla guerra. E se l’Occidente con gli Usa in testa dovessero inviare armi letali a Kiev ecco che la situazione potrebbe, realmente, andare fuori controllo. La speranza è che l’Europa comprenda quanto sia folle e sbagliato giocare alla guerra e abbandoni i fan dei soldatini al loro destino, prima che sia troppo tardi.

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/112078056@N07/13088009224″>Anti-government protests in Kiev</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/”>(license)</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top