Ucraina. Le mani della Casa Bianca su gas e petrolio di KievTribuno del Popolo
domenica , 26 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Le mani della Casa Bianca su gas e petrolio di Kiev

Ormai non è più un segreto: il figlio di Joe Biden, ovvero il vicepresidente Usa, è appena entrato nel consiglio di amministrazione della Burisma, ovvero la più importante compagnia di gas dell’Ucraina. 

La notizia ormai è di dominio comune al punto che è stata data anche dall’Huffington Post, testata che sta affrontando la questione Ucraina con una certa serietà. Sembra che il figlio di Joe Biden, il vicepresidente degli Stati Uniti, sia appena entrato nel consiglio di amministrazione della più importante compagnia di gas dell’Ucraina, la Burisma, dove svolgerà il ruolo di consigliere legale. Tale notizia è la conferma del pesantissimo coinvolgimento americano nelle vicende interne dell’Ucraina e contraddice tutta la retorica di Obama e soci, i quali hanno tentato di mostrarsi come i garanti della democrazia a Kiev. La Burisma Holdings è stata fondata nel 2002 ed è una società privata che si occupa dell’estrazione di gas naturale e petrolio, con cifre che hanno raggiunto anche gli 11.600 barili al giorno. Fin quando Kiev era alleata di Mosca le cose andavano bene, oggi però con il governo di Yatseniuk che ha deciso di tirare la corda, il Cremlino ha deciso di recapitare le bollette a Kiev, con l’Ucraina che deve alla Gazprom russa qualcosa come 1,66 miliardi di dollari solo come anticipo per la fornitura di giugno. ”La Russia non può usare il gas naturale come arma contro il mio Paese“, ha detto Yatesniuk forte dell’appoggio incondizionato dell’Occidente, dimenticando che chiedere di pagare i debiti e rispettare i contratti altro non dovrebbe essere che normalità. Yatseniuk infatti si trova per le mani un contratto firmato nel 2009 che obbliga Kiev a pagare il gas di Mosca 485 dollari ogni mille metri cubi. Non può però essere casuale l’arrivo a Kiev del figlio di Biden, Richard Hunter Biden, docente di politiche internazionali alla Georgetown University e capo del programma Fao negli Stati Uniti. In politica niente è casuale, così come non può essere casuale che suo padre, J.Biden, il 22 aprile si sia recato in visita a Kiev per provare ad allentare la tensione, senza riuscirci.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top