Ucraina. Nel Donbass una tragedia senza fineTribuno del Popolo
domenica , 23 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ucraina. Nel Donbass una tragedia senza fine

L’Ucraina dell’Est è sempre più vicina a una vera e propria catastrofe umanitaria. Amnesty International ha lanciato l’allarme con particolare riferimento alla popolazione più anziana cui Kiev ha negato il pagamento delle pensioni sociali. 

L’Ucraina dell’Est sarebbe ormai prossima a una catastrofe umanitaria con i cittadini che hanno sempre meno accesso al cibo e alle medicine e una situazione sempre più drammatica come ha peraltro ampiamente spiegato Amnesty International alla Reuters. Le politiche decise da Kiev sostanzialmente rischiano di peggiorare ulteriormente la situazione in Ucraina dell’Est. Anche l’Alto Commissionario per i Rifugiati delle Nazioni Unite ha espresso preoccupazione per la situazione accusando Kiev di aver preso la decisione pericolosa di bloccare il pagamento delle pensioni sociali e dei servizi nelle aree controllate dal governo. Secondo l’Unhcr non tutti sarebbero in grado nel Donbass di abbandonare le proprie case e in molti avrebbero un disperato bisogno di un aiuto finanziario. Secondo le Nazioni Unite circa 5,2 milioni di persone stanno a tutt’oggi vivendo in zone di conflitto. Di questo numero almeno 1,4 milioni sarebbero in condizioni di vulnerabilità e richiedono assistenza durante l’inverno per problemi economici e mancanza di servizi. Non solo, anche gli aiuti inviati da altri paesi, vedi la Russia, come cibo e medicine, sono spessi fermate dalle bande private fedeli a Kiev che hanno proprio l’obiettivo di affamare la popolazione civile. Chiaramente utilizzare questo genere di pratiche si configura come un crimine di guerra, ma nessun organo internazionale ha punito o ammonito l’Ucraina. Insomma ci sarebbero vere e proprie “renegade gangs” fuori controllo, un chiaro riferimento alle bande neonaziste già denunciate più volte. A oggi circa 594.000 cittadini ucraini hanno abbandonato l’Ucraina dell’Est come rifugiati trovando riparo per la maggior parte in Russia. Kiev inoltre ciclicamente ha tolto acqua ed elettricità alle regioni dell’Ucraina dell’Est che non sono sotto il controllo del governo, compiendo così altri crimini. I numeri della tragedia sono preoccupanti, si parla di 150 scuole chiuse a causa dei combattimenti nella regione di Donetsk, ma anche di 50.000 bambini che da settembre non hanno fatto ritorno a scuola. Ci vorrebbero almeno 32 milioni di dollari per aiutare i bambini a sopravvivere all’inverno in quanto hanno bisogno di medicine, rifugi, e abiti caldi. Tutto questo mentre la World Heath Organization ha segnalato come in Ucraina dell’Est manchino dottori, medicine, e cibo.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top