Ungheria. Vietato essere poveriTribuno del Popolo
giovedì , 30 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Ungheria. “Vietato” essere poveri

E’ diventato legge in Ungheria il provvedimento che vieta ai senzatetto di occupare piazze e luoghi pubblici pena multe salate o carcere. 

In Ungheria da oggi in poi sarà considerato reato essere poveri. Il motivo? Molto semplice, è stato varato un provvedimento  che vieta ai senzatetto di occupare piazze o altri luoghi pubblici e che prevede multe o addirittura il carcere per chi disobbedisce. Chiaramente la notizia ha scatenato diverse proteste tra i senzatetto che hanno deciso di riunirsi proprio di fronte al palazzo del Parlamento con cartelloni e scritte che significativamente recitavano: “siamo poveri, non criminali“. Gli unici a contestare la legge sono i verdi e le sinistra, anche se la legge è stata comunque approvata grazie ai voti della maggioranza del primo ministro Orbàn. Già a marzo l’Assemblea nazionale aveva risposto affermativamente a una serie di emendamenti alla nuova Costituzione entrata in vigore il primo gennaio dell’anno scorso. In particolare erano state inasprite le misure nei confronti del vagabondaggio con regole che hanno letteralmente criminalizzato il fenomeno. L’Europa aveva aspramente criticato le misure, ma si è fermata lì, così in Ungheria il governo è andato avanti per la sua strada. Il presidente della Commissione europea José Barroso e del segretario generale del Consiglio d’Europa avevano definito queste iniziative come preoccupanti per il rispetto “dello stato di diritto, delle leggi dell’Ue e degli standard del Consiglio d’Europa“. A Ginevra, agli inizi di aprile, un gruppo di esperti di diritti umani dell’Onu aveva condannato l’Ungheria per l’emendamento riguardante i senzatetto, un emendamento che in poche parole istituzionalizza la criminalizzazione del vagabondaggio. In passato il sindaco di Budapest  István Tarlos intendeva aumentare l’ordine pubblico e adottare l’adozione di misure contro i senzatetto. Secondo recenti stime attualmente in Ungheria ci sarebbero almeno 100.000 senzatetto, di cui almeno la metà solo a Budapest. Considerato che alla fine dell’anno scorso c’erano a disposizione solamente 4600 letti, si tratta di una evidente mancanza nei servizi offerti ai senzatetto. Molti di questi senzatetto sono quasi tutti ex lavoratori che hanno perso il lavoro a causa dei  licenziamenti di massa avvenuti con la chiusura di fabbriche considerate non più competitive, non al passo con il sistema di mercato instauratosi nel paese dopo la caduta del regime. Secondo Human right watch il Fidesz, partito guida del governo, approfitta dal 2010 della schiacciante maggioranza di cui dispone in Parlamento per modificare il quadro legale del paese, indebolire le istituzioni preposte al controllo dell’attività di governo col risultato di infrangere i più fondamentali diritti civili e umani. 

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/moriza/127642415/”>moriza</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top