Usa-Sud Corea. Al via le esercitazioni congiunte per simulare la guerriglia in Nord CoreaTribuno del Popolo
martedì , 30 maggio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Usa-Sud Corea. Al via le esercitazioni congiunte per simulare la guerriglia in Nord Corea

Usa e Sud Corea stanno per dare il via alle esercitazioni militari annuali che rischiano di far nuovamente alzare la tensione nella penisola coreana. Verranno coinvolti migliaia di soldati e numerosi aerei e navi per preparare uno scenario potenziale di guerriglia in Nord Corea.

Ricordate quando l’anno scorso la Nord Corea minacciava azioni militari contro Stati Uniti e Sud Corea qualora non avessero terminato le loro esercitazioni congiunte a pochi chilometri dal confine? Probabilmente quest’anno assisteremo a qualcosa di simile dal momento che Stati Uniti e Sud Corea si apprestano a realizzare le nuove esercitazioni militari congiunte tra Washington e Seoul. Per tre giorni nell’aprile 2013 ben due squadre di 12 uomini, entrambe della  US Special Operations Forces hanno simulato delle missioni in Nord Corea con due squadre sudcoreane della ROK, ovvero la Republic of Korea Special Forces. L’addestramento era incentrato sulle modalità di combattimento in Nord Corea e sul come organizzare una “organizzazione di resistenza indigena” una volta entrati in territorio nordcoreano, questo secondo l’edizione di Special Warfare del gennaio 2014, ovvero un giornale accademico della US Army’s John F. Kennedy Special Warfare Center and School. Secondo il giornale molti soldati sudocoreani avrebbero ancora famiglia in Nord Corea, fatto questo che la Casa Bianca vorrebbe utilizzare per lo sviluppo di una possibile organizzazione di resistenza contro Pyongyang in caso di invasione. Le azioni simulate, come spiega RT.COM, fanno parte delle esercitazioni  congiunte condotte dalla Sud Corea tra Iksan e Damyan. Gli Stati Uniti impiegheranno qualcosa come 28.000 tra soldati, marinai, aviatori e marines. Insomma ci si prepara al peggio forse immaginando che il crollo di Pyongyang potrebbe non essere così lontano. In Nord Corea però la pensano diversamente e si preparano ormai da anni proprio a questa evenienza e denunciano la natura eversiva e offensiva delle esercitazioni congiunte, volte a destabilizzare la sicurezza di Pyongyang. Usa e Sud Corea si difendono parlando di manovre difensive per farsi trovare pronti in caso di attacchi del Nord, ma appare chiaro come sia solamente tattica. La Nord Corea intanto ha ufficialmente chiesto a Usa e Sud Corea di disdire gli addestramenti congiunti annuali che potrebbero portare la penisola coreana verso la catasfrofe. Gli addestramenti congiunti invece si faranno, nel mese di febbraio,e quest’anno gli Usa manderanno 800 soldati in più che si aggiungeranno ai 28.000 già presenti. Effettivamente risulta difficile pensare che gli Usa siano in forze in Sud Corea solo per “controllare” le intenzioni offensive della Nord Corea; più facile che si voglia in qualche modo portare a un contesto di tensione capace di forzare Pyongyang ad atti avventati in modo da giustificare una invasione vera e propria, anche l’arsenale atomico di Kim Jong-Un fa paura, almeno per ora. 

Photo Credit .(AFP Photo / Jung Yeon-Je)

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top