Venezuela. Chavez stabile dopo l'intervento e Caracas smentisce la sua morte | Tribuno del PopoloTribuno del Popolo
mercoledì , 18 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Venezuela. Chavez stabile dopo l’intervento e Caracas smentisce la sua morte

Dopo il nuovo intervento cui si è sottoposto il leader bolivariano del Venezuela, Hugo Chavez, su internet hanno cominciato a circolare voci su una sua possibile morte. Caracas ha però smentito e parla di condizioni stabili; un intero Paese rattiene il fiato aspettando il suo presidente. 

Hugo Chavez

Hugo Chavez è il leader incontrastato del Venezuela, con la sua Rivoluzione Bolivariana ha portato il paese sudamericano a conquistare traguardi prima impensati, traghettando Caracas verso il socialismo del XXI secolo. Il suo popolo poi lo ha votato qualche mese fa nelle presidenziali, avallando quindi de facto la direzione che ha voluto dare al Paese. Chavez però è da tempo ammalato di tumore e si era già sottoposto ad alcuni interventi a Cuba; in molti gli davano pochi mesi di vita ma il presidente si era mostrato sorridente e in buona salute, pronto ad affrontare le nuove sfide da Presidente. Tutto questo fino a pochi mesi fa, poi purtroppo è arrivata la ricaduta, e Chavez ha annunciato a reti unificate la sua malattia  e la necessità di recarsi a Cuba per sottoporsi a una nuova operazione chirurgica molto delicata. L’operazione è durata diverse ore e da Caracas hanno annunciato il suo buon esito, sostenendo che le condizioni di Chavez sarebbero stabili. Lo ha riferito lo stesso ministro dell’Informazione di Cuba, tale Ernesto Villegas, che ha quindi smentito indirettamente le voci messe in circolo in web di un possibile decesso del Presidente.

Il decorso post operatorio di Chavez, 58enne, non sarà facile. Questo del resto lo aveva sottolineato lo stesso Nicolas Maduro, il vicepresidente destinato a succedergli, l’uomo che de facto sta già gestendo l’ordinaria amministrazione mentre Chavez si cura a Cuba. Maduro aveva avvertito che il Venezuela dovrà affrontare giorni duri e difficili, e aveva esortato il popolo a pregare per la salute del Presidente. Oggi il presidente del Parlamento, Diosdado Cabello, ha dovuto persino smentire la morte del leader bolivariano, una precisazione resasi necessaria dopo che nelle reti sociali hanno cominciato a girare voci incontrollate su una possibile morte di Chavez. Cabello ha ammonito sulla guerra di controinformazione scatenata dopo l’intervento, voci che si sono molteplicate a seguito della dichiarazione fatta ieri dal vicepresidente Nicolas Maduro, il quale non ha nascosto la gravità della situazione. Dalla Colombia stanno annunciando la morte del presidente, fatto che non è vero“, ha detto Cabello intervenendo durante una messa all’Università militare bolivariana della capitale alla quale erano presenti tra gli altri Maduro e il ministro della difesa, Diego Bellavia. Ancora una volta, da quando è iniziata la malattia di Chavez, “si sono scatenati i demoni di alcuni settori della controinformazione“, ha precisato, chiedendo di non dare ascolto alle voci che circolano a Caracas.

Su Twitter si sostiene che il governo venezuelano vorrebbe rendere pubblica la morte di Chavez il 17 dicembre, la data della morte dell’eroe nazionale Simon Bolivar, ma da palazzo Miraflores a Caracas negano in modo categorico. Anche da Cuba smentiscono, e dire che a L’Havana sono proprio i più abituati a smentire “balle mondiali” sulla morte di Fidel Castro, che diventa ciclicamente attuale su Twitter per poi rivelarsi puntualmente un’invenzione artefatta.  Villegas comunque continua a dirsi   fiducioso sul fatto che “il Comandante si riprenderà presto… Se così non sarà, il nostro popolo dovrà essere pronto a comprenderlo. Sarebbe irresponsabile occultare un momento delicato come questo“. A parlare di Chavez è stato in queste ore, tra gli altri, anche il presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, da sempre molto vicino al collega venezuelano: “nessuno è né deve essere imprescindibile”, precisando che “i processi rivoluzionari” in corso in America Latina sono indipendenti dalle persone.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top