Venezuela. Continua la lotta alla povertà nonostante la crisiTribuno del Popolo
lunedì , 23 ottobre 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Venezuela. Continua la lotta alla povertà nonostante la crisi

I media presentano un quadro del Venezuela disastroso eppure nel primo semestre del 2016 la povertà estrema del Paese si è attestata al 4,4% e la povertà generale è scesa dal 19,6% al 18,3%.Dati che non servono a cambiare l’idea negativa che viene propagandata su Caracas e la rivoluzione bolivariana. 

Molti paesi che hanno adottato politiche neoliberiste hanno probabilmente visto aumentare la povertà generale ed estrema in modo esponenziale ma non sono certo stati attaccati dai media che magari ne hanno elogiato la “stabilità”. Viceversa un paese alle prese con una crisi economica in parte indotta come il Venezuela che deve affrontare una guerra economica che somiglia al golpismo è riuscito in qualche modo a diminuire le percentuali di povertà, ma nessuno sembra apprezzare tale risultato come se dopotutto fosse meno importante di altri indicatori. Il vicepresidente per la Pianificazione e la Conoscenza Ricardo Menéndez ha annunciato come nel primo semestre del 2016 la povertà estrema sia calata ulteriormente collocandosi al 4,4% mentre la povertà generale sarebbe calata negli ultimi anni dal 19,6% al 18,3%. Quello che nessuno vuole ammettere è che il governo venezuelano con Chavez prima e Maduro poi ha fatto molto per lottare contro la povertà ad esempio allargando l’accesso a sanità e istruzione, risolvendo parzialmente il problema degli alloggi inadeguati e delle case sovraffollate, tutte cose che per i governi neoliberisti arrivano dopo. Anzi paesi che hanno buoni indicatori economici vengono considerati virtuosi anche se abbandonano milioni di poveri a una vita miserabile. In Venezuela pur con tutte le difficoltà del caso il governo è riuscito ad abbassare il numero di alloggi inadeguati che nel 1990, prima della rivoluzione bolivariana, erano il 13% del totale. In 25 anni dal 1990 al 2015 la percentuale di alloggi inadeguati è sceso al 3,7%, una conquista non da poco ma che agli economisti non interessa. Come se non bastasse grazie a Chavez prima e Maduro poi oltre 100.000 bambini hanno potuto ricevere un’educazione che altrimenti gli sarebbe stata negata e 2,5 milioni di persone hanno potuto risolvere il problema del sovraffollamento abitativo.

Tribuno del Popolo

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top