Venezuela. Ecco il piano di Maduro per uscire dalla crisiTribuno del Popolo
martedì , 17 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:
Venezuela. Ecco il piano di Maduro per uscire dalla crisi

Venezuela. Ecco il piano di Maduro per uscire dalla crisi

Dopo un periodo di rivolte e crisi economica, il Venezuela vorrebbe reagire alla difficile situazione. Maduro nella giornata di ieri ha minacciato di espropriare e confiscare le aziende che non dimostrino di aver applicato la “legge del prezzo giusto”, ovvero quella legge che fissa al 30% il margine massimo di guadagno.

Cosa sta costruendo il socialismo bolivariano in Venezuela? Ai posteri l’ardua sentenza dal momento che con il chavismo il Paese è sicuramente cambiato, e molto, e soprattutto in meglio per quelle porzioni della società più disagiate che in Venezuela rappresentano una parte cospicua della popolazione. Negli ultimi mesi però il Venezuela sta attraversando un periodo assai difficile che ha visto un ribasso della produzione petrolifera e anche un aumento, netto, dell’inflazione che è arrivata al 56%. A questa difficile situazione economica si è legata una protesta sociale violenta e radicale dietro la quale in molti vedono anche la longa manus degli Stati Uniti. Nella giornata di ieri Nicolas Maduro ha parlato, annunciando misure importanti volte a uscire dall’angolo e a ridare una prospettiva al Paese. Maduro ha infatti minacciato di espropriare e confiscare tutte quelle aziende che non dimostrino di aver applicato la “legge del prezzo giusto”. Stiamo parlando della legge fortemente voluta dal governo chavista e che aveva fissato il margine massimo di guadagno al 30%, ora questa legge dovrà venire applicata, in caso contrario Maduro ha minacciato i “settori della borghesia“ a non “sottovalutare il potere del popolo“. Il presidente venezuelano è stato chiaro: se lunedì prossimo il governo riscontrerà l’esistenza di aziende e attività economiche che stanno violando la legge del prezzo giusto, verranno prese le “misure più radicali perché il popolo entri in quelle aziende e sia lui a farle produrre e lavorare“. Queste parole Maduro le ha pronunciate in occasione  del 22° anniversario del golpe fallito lanciato dall’ex presidente Hugo Chavez contro il governo di Carlos Andres Peres (1989-1993). Ce la farà Maduro a riprendere in mano la situazione dove la produzione di petrolio è calata sensibilmente a 2,45 milioni di barili al giorno contro i 2,9 nel 2012. 

photo credit: <a href=”http://www.flickr.com/photos/jokamadruga/8642329547/”>Joka Madruga</a> via <a href=”http://photopin.com”>photopin</a> <a href=”http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/”>cc</a>

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

 

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top