Venezuela. Maduro aumenta salario minimo del 30%Tribuno del Popolo
martedì , 28 marzo 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Venezuela. Maduro aumenta salario minimo del 30%

Nicolas Maduro, approfittando del Primo Maggio, ha annunciato che il salario minimo verrà aumentato del 30% per la seconda volta in un anno dopo che a gennaio era stato aumentato del 15%. Il provvedimento è stato deciso per contrastare l’aumento incontrollato dell’inflazione che ha superato la soglia del 50% e ha cominciato a erodere la capacità di acquisto dei lavoratori.

La situazione in Venezuela non è certo delle migliori a causa dell’inflazione che ha eroso in modo particolare la capacità di acquisto della popolazione. Nicolas Maduro, che è molto attento alla situazione delle fasce più deboli, ha annunciato l’aumento del 30% del salario minimo della popolazione. Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente Nicolas Maduro, che ha spiegato come il provvedimento sia stato preso proprio per contrastare il fenomeno del rialzo endemico dell’inflazione: “Sono obbligato a difendere lo stipendio minimo della popolazione, allo stesso modo dei posti di lavoro e stiamo lavorando per crearne di nuovi. Mi rivolgo ai lavoratori e chiedo loro di dare il via a una offensiva sociale per garantire alla nostra popolazione i generi di prima necessità e per aumentare la produzione. Dobbiamo far crescere e radicalizzare la nostra rivoluzione”. Tale provvedimento consentirà a molti cittadini venezuelani di poter nuovamente accedere a molti genere di base che negli ultimi tempi sono diventati off limits a causa dell’aumento dei prezzi. La prima parte dell’aumento sarà vicina al 20% ed entrerà in vigore da subito, mentre il restante 10% sarà corrisposto nel mese di luglio assieme ad altri aumenti di stipendio pensati per determinate categorie professionali che dovrebbero riguardare circa due milioni e mezzo di dipendenti pubblici e delle forze armate. L’idea di Maduro comunque sarà quello di estendere tali aumenti anche ad altre categorie mediante sgravi e benefici alle aziende. Il governo venezuelano con questi aumenti salariali intende colpire l’aumento indiscriminato dei prezzi dei beni, dovuto anche al fatto che Caracas dispone di pochi dollari per importare prodotti dall’estero. La difficile congiuntura economica del momento il Venezuela è anche collegata al dimezzamento delle quotazioni del petrolio su cui il Paese basa gran parte della propria ricchezza, basti pensare che le esportazioni di “oro nero” rappresentano circa il 97% delle esportazioni e dei dollari in entrata nel Paese.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top