Venezuela: Maduro riconosce i risultati delle elezioni legislativeTribuno del Popolo
martedì , 24 gennaio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Venezuela: Maduro riconosce i risultati delle elezioni legislative

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha riconosciuto i risultati delle elezioni legislative svoltesi nella nazione sudamericana, in cui le forze dell’opposizione hanno ottenuto la maggioranza parlamentare.

Pochi minuti dopo la diffusione del verdetto irrevocabile da parte del Consiglio Nazionale Elettorale (CNE), Maduro si è indirizzato al paese, felicitandosi per la elevata partecipazione popolare e chiamando le unità di base del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) a mantenere, come è avvenuto fino ad ora, un comportamento pacifico.

Secondo il capo dello Stato, il riconoscimento dei risultati da parte della sinistra non è mai stato in discussione, al contrario di quanto era avvenuto con i ripetuti disconoscimenti, gli appelli alla violenza e il gioco sporco della destra locale (sconfitta in 18 delle 20 elezioni svoltesi dal 1999).

Il presidente ha rilevato che il sistema elettorale venezuelano è uno dei principali baluardi della Rivoluzione bolivariana, che – ha assicurato – conserva integro il morale ed avvierà un processo di ristrutturazione che le darà maggiore efficacia.

Maduro ha dichiarato che in questa occasione le forze della sinistra sono state vittime di manovre contro il paese come la guerra economica, l’accaparramento e la speculazione sui prezzi dei prodotti di prima necessità, che hanno fatto breccia tra la cittadinanza.

La destra vuole far tornare il Venezuela sulla strada del neoliberismo e a noi compete dare battaglia degnamente per proteggere il nostro popolo, ha detto.

Secondo Maduro, i rivoluzionari sono stati sconfitti, ma ha aggiunto il celebre “per ora” dello scomparso presidente Hugo Chavez.

In tal senso, ha invitato i militanti del PSUV e dei partiti alleati a impegnarsi ancora di più, a continuare il lavoro casa per casa e a offrire il meglio di sé per il popolo. La Rivoluzione bolivariana è sempre in piedi e si approfondirà, ha promesso.

Per il presidente è necessario superare il modello economico dipendente dal petrolio per non tornare ad essere vittime dei ricatti della controrivoluzione.

Secondo la prima informativa fornita dalla responsabile della CNE, Tibisay Lucena, la partecipazione alla consultazione è stata del 74,25% e al momento della trasmissione del dato riguardante il 96,03% delle schede, la alleanza dell’opposizione Mesa de la Unidad Democratica si aggiudicava 72 candidati uninominali e 27 di lista.

Da parte sua, il PSUV ha ottenuto 24 rappresentanti uninominali e 22 di lista.

Secondo Lucena, sono ancora da definire i vincitori in 11 circoscrizioni, quelli della lista dello stato Merida e delle tre circoscrizioni indigene.

Fonte: Marx21.it

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top