Cade aereo con ad della Total ostile al dollaro. Incidente o nuovo "caso Mattei"?Tribuno del Popolo
mercoledì , 26 luglio 2017
Ultime Notizie
Link Sponsorizzati:

Cade aereo con ad della Total ostile al dollaro. Incidente o nuovo “caso Mattei”?

Semplice incidente aereo o nuovo “caso Mattei”? A Mosca Christophe de Margerie, ad della Total che in passato si era esposto come amico della Russia e aveva dichiarato che “Non vi è alcun motivo di pagare il petrolio in dollari”, è morto in un misterioso incidente e le autorità hanno aperto un’inchiesta. 

Incidente o fatalità? Lo appurerà l’indagine annunciata dalle autorità russe dopo che l’aereo che trasportava l’amministratore delegato della Total, Christophe De Margerie, è stato coinvolto in un tragico incidente aereo in fase di decollo a Mosca in circostanze ancora tutte da chiarire. De Margerie è morto, e molti giornali riportano la notizia in modo asettico come se fosse un semplice uomo d’affari. A pensar male però De Margerie non era un semplice uomo d’affari, era, come dice anche “Repubblica” uno strenuo difensore della Russia e delle sue politiche energetiche, al punto che aveva difeso la posizione di Mosca anche nel bel mezzo della guerra civile in Ucraina. A luglio De Margerie aveva dichiarato alla Reuters che l’Europa avrebbe dovuto smettere di pensare a tagliare la sua dipendenza dal gas russo e concentrarsi invece sul rendere tali consegne sicure. “Ho sentito persone dire che dobbiamo proteggere l’Ucraina e poi parlare di Russia. Questa non è la stessa cosa … Stiamo andando a costruire un nuovo muro di Berlino?“, aveva dichiarato nell’intervista, e ancora: “La Russia è un partner e non dovremmo perdere tempo a proteggere noi stessi da un vicino di casa … Quello che stiamo cercando di fare è di non essere troppo dipendenti da qualsiasi paese, non importa quale. Non dalla Russia, che comunque ci ha salvato in numerose occasioni“. Attenzione però tutto questo non basta a sostenere che l’incidente di ieri non lo sia, ovviamente, però incrociando queste dichiarazioni con quelle fatte da De Margerie qualche tempo prima sul dollaro, qualche interrogativo emerge eccome. Già il 7 luglio De Margerie, come riportato da “L’Antidiplomatico”  aveva dichiarato candidamente alla Reuters che “Non vi è alcun motivo di pagare il petrolio in dollari “. Non solo, lo stesso De Margerie aveva anche sostenuto che l’euro dovrebbe avere un ruolo più importante nel commercio internazionale prendendo il posto proprio del dollaro. Alla luce di ciò non vogliamo come altri sostenere che qualcuno abbia sabotato il suo aereo, attenderemo l’esito dell’indagine per conoscere la verità, tuttavia la vicenda presenta i contorni di qualcosa di molto torbido.

VAI SULLA PAGINA FB DEL TRIBUNO

Link Sponsorizzati:

Commenti chiusi.

Link Sponsorizzati:
Scroll To Top