Vestire Casual: le regole per un look informale

vestire casual_390x600

Vestire casual significa indossare con disinvoltura capi di abbigliamento informali combinandoli in con indumenti classici.
Il casual non è sinonimo di sciatto e trascurato, tutt’altro. Occorre soprattutto buono spirito di osservazione e un’attenta analisi per creare abbinamenti vincenti.
Il trasandato è bandito: jeans strappati, magliette bucate o magliette infeltriti. Quelli sono buoni per passare un sabato sera sul divano davanti alla TV in pieno comfort e relax. Certamente non si addicono ad ogni occasione.
Il look casual invece è apparire sempre perfette in ogni situazione, senza trascurare comfort, indossando mise che ci facciano sentire sempre bene e a nostro agio dalla mattina alla sera.
Esistono anche molte sotto varianti di questo look, come ad esempio il casual look chic, che combina elementi informali ad outfit classici per apparire sempre eleganti e curate in ogni dettaglio.

Il segreto per vestire casual: lavorare sugli abbinamenti

Per eccellere nell’abbigliamento casual, dobbiamo imparare a guardare il nostro armadio con occhi diversi.
Vestire casual permette, non solo di sentirsi sempre a proprio agio, ma anche di non spendere un patrimonio per rifare il guardaroba., ed è uno stile adatto anche a chi indossa taglie comode.
Infatti basterà reinterpretare quello che già abbiamo e testare nuove combinazioni. Non fossilizziamoci. Di norma saremo propense a vedere e a credere che se un determinato capo di abbigliamento lo abbiamo comprato per una certa occasione o per una location particolare, non riusciremo ad inquadrarlo diversamente. Il blazer per l’ufficio, i jeans attillati per il cinema con le amiche e il cardigan di cashmere per il pranzo di famiglia della domenica.
Ma non è così.
I vestiti possono avere più destinazioni.
Ad esempio il blazer abbinato con un jeans attillato e una scarpa con il tacco, si trasforma immediatamente in un look casual da serata fuori con le amiche.
E ancora. Il vestito bianco leggero che di solito riservavamo per la mattinata in spiaggia, possiamo abbinarlo al famosa cardigan della domenica su una sneakers per avere un effetto casual chic. E così via

Qualche trucchetto che fa sempre comodo

L’abbottonatura assume un ruolo fondamentale nel look casual. Lasciamo sempre sbottonato i primi e gli ultimi bottoni. Ad esempio nella giacca oppure nel cardigan stesso. Daremo un’impressione più rilassata, meno “abbottonata”… Letteralmente!.
I colori. Nel vestire casual è da evitare un look total black o total blu. Troppo formali, troppo eleganti ed impegnativi. Dobbiamo vertere su colori pastello, più sottili, più morbidi. Occhio all’effetto confetto, completamente da evitare. Vestirsi dalla testa ai piedi in color malva acquerello, non aiuta a sembrare più casual, ma solamente ridicola!
Si a tutta quella gamma di di colori pastello come il sabbia, rosa pallido, il kaki, ecc… sempre abbinati con tonalità più decise, per creare contrasto e “spessore”.

Vestire Casual: cosa non deve mancare

Blazer. L’intramontabile e insostituibile. Ci permette mille abbinamenti per creare sempre look diversi. Il blazer da donna ha anche un vantaggio in più: l’aspetto sartoriale. Come capo di abbigliamento può infatti donare un taglio sartoriale al nostro outfit, concentrando su di esso l’attenzione.
Non facciamoci mancare nemmeno i pantaloni casual: pantaloni culotte, i jeans cropped e mom jeans, e i pantaloni tayloring a vita alta, i jeans skinny e boot cut, i pantaloni a palazzo e, in estate, gli shorts. Tanti modelli, innumerevoli tessuti, infinite combinazioni di outfit.
Non rinunciate nemmeno a wrap dress e kimono, che sono tornati alla ribalta più che mai quest’anno. Ottime le camicie a maniche lunghe, magari leggere in seta o viscosa.

Scarpe ed accessori

Non esageriamo, come sempre. Accessori si, ma di buon gusto, non troppo sfarzosi, colorati o giganti. Abbinati i colori e scegliete sempre lo stesso materiale per tutto l’outfit.
In quanto alle scarpe, avete l’imbarazzo della scelta. Si spazia dai sandali, alle scarpe da ginnastica, da un tacco fine, ad uno a pianta larga. Avendo a disposizione diversi capi di abbigliamento su cui lavorare, si allarga il panorama delle scelte per calzare i piedi.
Come ultimo consiglio possiamo sottolineare l’importanza di un trucco leggero e di un’acconciatura “easy” per vestire casual al 100%

Articoli correlati